martedì,Dicembre 1 2020

Klaus Davi ambasciatore di Platì, domani la presentazione

Il massmediologo ed ex consigliere comunale di San Luca promuoverà le tipicità nelle risorse agroalimentari

Klaus Davi ambasciatore di Platì, domani la presentazione

Mercoledì 11 novembre alle 17 presso la Sala Consiliare del Comune di Platì si svolgerà la conferenza stampa per la straordinaria presentazione di Klaus Davi quale “Ambasciatore per lo sviluppo del territorio, la valorizzazione delle identità e il miglioramento delle tipicità nelle risorse agroalimentari di eccellenza di Platì”.

Al tavolo dei lavori parteciperanno il sindaco Rosario Sergi,
Sindaco Comune di Platì, Paolo Ferrara, consigliere comunale di Platì delegato all’Agricoltura, risorse agro-alimentari, Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, Miriam Ammendolea, consigliere comunale di Platì delegato Attività Produttive, Leo Autelitano, Presidente Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, Francesca Giuffrè, Presidente Ordine Provinciale dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Reggio Calabria e il geologo Serena Palermiti.

«Considerando il principale comparto produttivo territoriale presente a Platì e nell’intero Parco Nazionale dell’Aspromonte, il settore agroalimentare coinvolge la maggior parte delle risorse umane in attività specializzate nella produzione, nella trasformazione, nella distribuzione e nella commercializzazione dei prodotti alimentari. Nel pieno esercizio delle deleghe conferitemi dal Sindaco con la presenza di Klaus Davi – ascoltate le idee delle aziende presenti nel nostro territorio – si intende sviluppare azioni programmatiche a sostegno dei comparti produttivi territoriali, ritenuti “un concentrato di genio e creatività che passa attraverso organizzazioni supportate da antiche metodologie, tradizionali e rinascimentali, nonché da sistemi tecnologicamente più innovativi», con:
 Valorizzazione e sviluppo delle risorse agroalimentari, al fine di creare una filiera di qualità (Pane di Platì, ecc.) per l’identità territoriale e la denominazione di prodotti “Made in Platì” e “Made in Aspromonte” in funzione della estensione fuori dal territorio comunale con la possibilità di realizzare filiere produttive».