venerdì,Novembre 27 2020

I diritti dell’infanzia nella pandemia, Agape si confronta

Gli appuntamenti si svolgeranno in diretta sulla pagina Facebook di Vita da lunedì 16 a venerdì 20 novembre, dalle 18 alle 19. Il programma prevede 5 incontri

I diritti dell’infanzia nella pandemia, Agape si confronta

Il Gruppo Crc, che vede il Centro Comunitario Agape tra gli aderenti, in occasione del 20 novembre pubblica l’undicesimo rapporto di monitoraggio della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. «Nel compiere 20 anni – riporta una nota – il Rapporto non ci consegna solo una retrospettiva sui passi avanti che sono stati fatti e sui ritardi che ancora permangono, ma allarga lo sguardo sull’impatto della pandemia in corso sui quasi 10 milioni di bambini e adolescenti che vivono in Italia. La crisi ha portato alla luce, aggravandole e dilatandole, le criticità che le 100 associazioni del network hanno già rilevato da anni: l’assenza dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nella cultura politico amministrativa e nell’agenda politica e la mancanza di un  coordinamento efficace in tale ambito».

«Un’analisi che si chiude come sempre con delle raccomandazioni rivolte alle istituzioni competenti per facilitare il cambiamento e fornire suggerimenti su come superare le criticità. Quest’anno il lancio del Rapporto avviene on line, in partnership con Vita, alla presenza di esperti, opinionisti e istituzioni. Cinque appuntamenti di riflessione che ci accompagneranno verso la Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 20 novembre con una maggiore consapevolezza di quanto ancora oggi siano necessarie voci che dicono “prima i bambini e gli adolescenti”».

Gli appuntamenti si svolgeranno in diretta sulla pagina Facebook di Vita (@VitaSocialContent) da lunedì 16 a venerdì 20 novembre, dalle 18 alle 19. Il programma prevede 5 incontri.

Lunedì 16 novembre Una generazione in bilico, tra social e distanziamento sociale. Chiusi in casa, le ore trascorse davanti a uno schermo sono aumentate a dismisura per tutti, anche per i bambini e ragazzi. Il digitale è stata l’unica via per restare in contatto con amici e compagni e il canale privilegiato usato dai ragazzi per informarsi. Ma sono anche aumentati i casi di cyberbullismo. Come i ragazzi hanno utilizzato internet? Quanto ne hanno abusato? Come sono stati rappresentati? Intervengono Elena Bozzola e Mauro Cristoforetti, per il Gruppo CRC Dalila, Pier Cesare Rivoltella, direttore del Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’Innovazione e alla Tecnologia dell’Università Cattolica di Milano Luca De Biase, giornalista, caporedattore di Nòva Paola Pisano, Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione Nunzia Ciardi, direttore del servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni

Martedì 17 novembre Fragilità di bambini e adolescenti, solitudine delle famiglie. Quali risposte? Le famiglie si sono trovate improvvisamente a dover far fronte a mille esigenze potendo attingere solo a risorse interne. La vicinanza ha rafforzato legami e fatto esplodere le situazioni conflittuali dall’altro. Il lockdown è stata la lente di ingrandimento per una situazione già esistente, ma non messa a fuoco: la solitudine in cui troppo spesso sono lasciate le famiglie. Quale supporto riusciamo a dare oggi alle genitorialità? Intervengono Giorgio Tamburlini e Liviana Marelli, per il Gruppo CRC Daniela Lucangeli, docente di Psicologia dell’educazione e dello sviluppo, Università di Padova  Sandra Zampa, Sottosegretario alla Salute Chiara Giaccardi, Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla famiglia.

Mercoledì 18 novembre Povertà e ambiente: l’agenda per le nuove generazioni. C’è una stretta connessione tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 e la realizzazione dei diritti delle persone di minore età. Porre al centro i bambini significa declinare concretamente il tema dello sviluppo sostenibile, in tutte le sue dimensioni, a partire dal benessere sociale e da quello ambientale. Intervengono Giacomo Toffol e Nome cognome, per il Gruppo CRC Federica Gasbarro, Friday For Future Filomena Maggino, presidente cabina di regia Benessere Italia Steni Di Piazza, Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Nome cognome, Min. Ambiente  Giovedì 19 novembre Uguali diritti, diverse attuazioni: le conseguenze delle disuguaglianze Il COVID-19 ha messo drammaticamente in luce la realtà: i bambini e le bambine vivono in condizioni estremamente differenti e troppo spesso la rete di servizi e di welfare non riesce a colmare quel gap di opportunità legato alla condizione di nascita. Dal tablet alla mensa, dai libri alla salute, troppi sono i divari nell’accesso ai servizi, alla scuola, alle opportunità educative Intervengono Maurizio Bonati,Pier Paolo Cognome e Aldo Garbarini, per il Gruppo CRC Marco Rossi Doria, Forum Disuguaglianze Diversità e vicepresidente Con i Bambini Lucia Azzolina, Ministro dell’Istruzione Giuseppe Provenzano, Ministro per il Sud e la Coesione territoriale».

Venerdì 20 novembre Oltre il Covid-19: una strategia per i bambini e gli adolescenti. Nell’emergenza COVID-19 inizialmente non è stato adeguatamente considerato l’impatto sociale della pandemia sulle persone di età minore. Un proliferare di tavoli informali – istituzionali e inter-associativi – ha cercato di richiamare l’attenzione su infanzia e adolescenza, indicando le criticità, facendo proposte e discutendo le priorità e le azioni necessarie. Questo sforzo però, in assenza di efficaci meccanismi di raccordo tra i vari livelli di governo, con il Parlamento e nella stessa società civile, rischia di essere poco incisivo. La risposta all’emergenza è l’occasione per mettere in pratica i principi della CRC, con una visione finalmente strategica rispetto alle nuove generazioni. Intervengono Gruppo CRC, Consiglio Regionale Ragazzi Veneto, Chiara Saraceno, portavoce Alleanza per l’infanzia.Elena Bonetti, Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia, Licia Ronzulli, presidente Commissione Bicamerale Infanzia,Paolo Siani, portavoce Intergruppo parlamentare Infanzia e Adolescenza, Coordinano Arianna Saulini, portavoce del Gruppo CRC.