martedì,Novembre 24 2020

Scuola vandalizzata ad Arghillà, la condanna di Nasone

Il presidente di Agape: «Ridare spazio ed attenzione a queste periferie opponendo alla subcultura di chi vuole distruggere, azioni di politica sociale»

Scuola vandalizzata ad Arghillà, la condanna di Nasone

«Ritornano gli atti di vandalismo in città e che vedono bersaglio beni comuni importanti che tutti dovrebbero tutelare e custodire. Quello che ha visto devastata la scuola per l’infanzia di Arghillà è un atto particolarmente odioso perché colpisce un quartiere dove si registra una grave carenza di servizi per i minori a fronte di una condizione di grande disagio e di povertà minorile». Ad affermarlo in una nota è Mario Nasone, presidente del movimento Agape.

«Un quartiere difficile che vede la scuola, le parrocchie, le associazioni impegnate a tessere una rete di alleanze educative e che questi gesti criminali tendono a disfare. Agape esprime vicinanza a queste agenzie educative e invita tutte le istituzioni a ridare spazio ed attenzione a queste periferie opponendo alla subcultura di chi vuole distruggere, azioni di politica sociale che aumenti offerta educativa e opportunità».