sabato,Luglio 2 2022

Migrante investito nel Reggino, il Comitato 7 agosto raccoglie fondi per gilet luminescenti

Mobilitazione dopo l'incidente nella strada buia del Corap. L'associazione vuole distribuire agli immigrati un indumento che può salvare la vita di chi è costretto a muoversi in bicicletta

Migrante investito nel Reggino, il Comitato 7 agosto raccoglie fondi per gilet luminescenti

Agostino Pantano – Una raccolta fondi per l’acquisto di gilet catarifrangenti da distribuire ai migranti costretti a percorrere le strade non illuminate intorno alla tendopoli di San Ferdinando. E’ l’iniziativa, lanciata anche tramite la rete internet, dal Comitato 7 Agosto un movimento sorto intorno alle tematiche ambientaliste ed oggi diventato un dinamico e attento punto di riferimento dell’associzionismo cittadino.

Dopo il dolore e la protesta, per la morte di Gora Gassama – il migrante maliano investito mentre percorreva in bicicletta una strada buia del consorzio Corap, per il sodalizio formato da giovani è il tempo di una presa di coscienza che unisce al di là del colore della pelle. «E’ un problema che abbiamo tutti – spiega Alessia Cambiale – e chiedere strade dignitose e sicure non può fare altro che unirci a favore di chi fin qui è stato invisibile, tenuto ai margini». Anche per riscaldare con sentimenti collettivi questo strano natale, il Comitato ha lanciato una raccolta di denaro di facile accesso e aperta a tutti. «Basta andare sulla pagina social del Comitato – prosegue Cambiale – e seguire le istruzioni, oppure basta rivolgersi a noi che provvederemo all’acquisto e alla distribuzione di un indumento salvavita a favore dei migranti che popolano i tanti ghetti della Piana».

Un dono semplice, già fatto altre volte da diverse associzioni, che però arriva all’indomani di una morte che ha scosso – come le altre – una opione pubblica sensibile ormai alla necessità di una accoglienza che sia più sistemata possibile, in attesa di capire se le istituzioni sovracomunali vogliano investire per condizioni abitative diverse, se il Corap intende illuminare le zone industriali intorno al porto di Gioia Tauro, e se si varerà un sistema di trasporti – apposito per i migranti che hanno necessità di spostarsi da e pèer i campi – che emancipi dal pericolo.

top