giovedì,Marzo 4 2021

Reggio Calabria, fa tappa al Gom il progetto biblioteche in ospedale

L'iniziativa dell'associazione Valentia in collaborazione con numerose e note case editrici

Reggio Calabria, fa tappa al Gom il progetto biblioteche in ospedale

L’associazione Valentia in collaborazione con le case editrici Libritalia, Meligrana editore, Mario Vallone editore, Sd Collezioni editoriali, Il cristallo e Valentia Edizioni donano libri per i reparti Covid di Reggio Calabria creando una biblioteca nel Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria.

L’associazione Valentia, nota realtà associativa con numerosi sedi su scala nazionale, organizzatrice di numerosissime attività culturali e sociali, in collaborazione con le note case editrici  Libritalia, Meligrana editore, Mario Vallone editore, Sd Collezioni editoriali, Il cristallo e  Valentia Edizioni donano dei libri  rivolti a tutti i reparti coinvolti nell’emergenza Covid per il Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, per la creazione di una biblioteca COVID.

Questo è un gesto importante, una donazione che l’associazione, tramite il proprio presidente nazionale Anthony Lo Bianco, commenta: «Auspico possa essere un invito per tutti a reinterpretare il significato del dono». A Marzo, all’inizio di questa terribile avventura, abbiamo dato un grande segnale attraverso numerose donazioni per fronteggiare l’emergenza. Da lì abbiamo cominciato a scrivere un libro, con lo scopo di poter raccogliere i fondi per creare su scala nazionale delle foreste del ricordo, per chi oggi non c’è più. Attraverso questi racconti ci siamo resi conto di quanto siano dure le notti e i giorni in ospedale.

I libri sono stati donati dai referenti dell’Associazione Valentia di Reggio Calabria, Villa San Giovanni e Cittanova, ad Antonino Verduci, direttore medico del presidio ospedaliero e ad alcuni dei medici e sanitari coinvolti al contrasto al COVID-19. I giovani referenti Giovanazzo, Sergi e Calogero dichiarano: «Non potevamo non aderire a tale iniziativa, lanciata dalla sede Nazionale, così ricca di speranza e fiducia, è un regalo che commuove perchè è cibo per la mente: i libri e la cultura uniscono e il pensiero è una grande forza che ci aiuterà a superare questo momento difficile».

La segreteria nazionale dell’Associazione commenta: «Grazie ai titoli, adatti a tutte le età, organizzeremo una piccola biblioteca nel reparto Covid dove i pazienti, che trascorrono settimane in isolamento, sono nelle condizioni di leggere. Una iniziativa lodevole non solo per i pazienti, ma anche per gli operatori sanitari che passano qui tanto tempo che potranno prendere un libro, anche solo sfogliarlo, distrarsi per qualche minuto e avere uno spunto di riflessione».

Articoli correlati