venerdì,Maggio 14 2021

Sit-in per ricordare Maria Chindamo, misteriosamente scomparsa nel 2016

L’iniziativa si terrà giovedì, alle 11, nel luogo in cui la donna scomparve, davanti alla sua azienda, in contrada Montalto a Limbadi

Sit-in per ricordare Maria Chindamo, misteriosamente scomparsa nel 2016

Si svolgerà giovedì, alle 11, il “Sit-in per Maria Chindamo”, promosso da Agape, Libera, il progetto “Mettiamoci una croce sopra. I giovani verso il voto in Calabria”, il comitato “Controlliamo noi le terre di Maria” e Penelope Italia Odv, e arricchito delle adesioni di associazioni, istituzioni e singoli cittadini che hanno scelto di condividere la richiesta di verità e di giustizia. Il sit-in vuole essere un momento di riflessione, di memoria, ma anche di confronto per consolidare percorsi già intrapresi e costruire nuove progettualità. Vuole essere un momento in cui si ribadisce in maniera collettiva e pubblica che la storia di Maria è la storia di tante cittadine e cittadini che hanno scelto da che parte stare e che esiste una Calabria che rinasce anche da queste storie.

Nel rispetto delle normative previste, il sit-in si svolgerà nel luogo in cui Maria scomparve nel 2016, davanti alla sua azienda, in contrada Montalto a Limbadi, e vedrà, dopo i saluti dei rappresentanti istituzionali e governativi, l’intervento del fratello Vincenzo Chindamo. Seguiranno gli interventi di Stefania Paparo, presidente regionale di Penelope Italia odv; don Ennio Stamile, del coordinamento regionale di Libera; Giovanna Vingelli, del centro “Women’s Studies Milly Villa” dell’Università della Calabria; Sabrina Garofalo del comitato “Controlliamo noi le terre di Maria Chindamo”. Concluderanno la giornata gli studenti dei vari istituti scolastici che hanno aderito all’iniziativa. I lavori saranno coordinati da Giulia Melissari del progetto di educazione civica “Agape”.

top