giovedì,Ottobre 21 2021

La casa assegnata va in pezzi, il signor Sgarlato ancora costretto a vivere in comunità

Nonostante gli appelli e le denunce non si sa nulla delle somme destinate alla manutenzione dell’alloggio comunale destinatogli

La casa assegnata va in pezzi, il signor Sgarlato ancora costretto a vivere in comunità

Case assegnate dal Comune, ma che cadono in pezzi perché non è stata fatta la manutenzione. La storia del signor Antonino Sgarlato l’avevamo raccontata qualche mese fa.

Dal 2017 attende un cambio alloggio o la manutenzione dell’alloggio assegnatogli in via Glauco 45. Un luogo invivibile, soprattutto per quanto riguarda il bagno e la cucina, coi soffitti che cadono in pezzi, pieni di muffa, i ferri all’interno dei pilastri a vista e l’intonaco cade in pezzi lasciando scoperte parti nascoste dell’edificio. Non c’è l’acqua. Anche il bagno è un disastro. Nel frattempo l’uomo è costretto a stare in una comunità.

Sono passati più di tre mesi dall’ennesima denuncia ma non è successo nulla. A niente è valso attendere che fosse approvato il bilancio comunale. Si resta sempre in attesa di vedere dove le somme per gli alloggi saranno collocate. E, soprattutto, quando saranno fatti, come nel caso di specie, gli interventi, con le somme messe da parte appositamente.

Quella dell’assegnazione e della manutenzione degli alloggi è una battaglia che l’Osservatorio sul disagio abitativo porta avanti da anni. Di qualche giorno fa anche una lettera dell’Associazione “Un mondo di mondi” indirizzata ai candidati al governo della Calabria, per conoscere le intenzioni su una problematica che attanaglia la regione. Ancora prima però, nel caso specifico, le risposte dovrebbe darle l’assessorato comunale al ramo.

top