martedì,Novembre 30 2021

Reggio, sul Lungomare un albero contro la violenza sulle donne: Comune accanto a Fidapa “Morgana”

Le assessore Scopelliti e Palmenta: «Anche i simboli sono importanti. Chi denuncia non sarà mai sola». Il consigliere Merenda: «Serve sinergia contro soprusi e prevaricazioni»

Reggio, sul Lungomare un albero contro la violenza sulle donne: Comune accanto a Fidapa “Morgana”

Le assessore Rosanna Scopelliti e Giuggi Palmenta, insieme al consigliere comunale delegato al Verde pubblico Massimiliano Merenda, ed al dirigente del settore Ambiente Domenico Richichi, hanno partecipato, stamane, all’iniziativa promossa dalla Fidapa “Morgana”, presieduta da Cinzia Ladicola, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. In un’aiuola del lungomare Falcomatà, all’altezza della scuola “Raffaele Piria” infatti, è stato piantato un esemplare di Hibiscus rosso «quale simbolo che educhi i cittadini e, soprattutto, le giovani generazioni a crescere nel rispetto e nell’accettazione dell’altro, respingendo con forza ogni forma di prevaricazione e violenza fisica e psicologica».

Dopo aver ringraziato la presidente della Fidapa “Morgana”, l’assessora Scopelliti ha sottolineato l’importanza dell’albero rosso quale «metafora di memoria ed impegno. Oggi è una giornata molto importante – ha detto – durante la quale ricordare le vittime e rivolgere un pensiero ai tanti orfani di femminicidio costretti, per sempre, ad un immane dolore. Bisogna costruire una barriera di solidarietà e sostegno intorno alle donne vittime di violenza affinché trovino la forza ed il coraggio di denunciare sapendo di non essere mai lasciate sole».

Concetti ampiamente condivisi dall’assessora Giuggi Palmenta che ha aggiunto: «Questo impegno deve andare oltre il 25 novembre ed essere proiettato in ogni giorno della nostra quotidianità. In questo caso, anche i simboli sono importanti e la scelta della Fidapa “Morgana” di piantare un albero risulta fra le migliori perché infonde sentimenti di speranza, immaginando la fioritura di una maggiore consapevolezza nella società e nelle donne che, dopo la denuncia, possono essere certe di riappropriarsi della loro libertà».

Fra i primi sostenitori dell’iniziativa promossa dall’associazione guidata da Cinzia Iadicola, anche il consigliere Massimiliano Merenda che si è detto «orgoglioso nel constatare la passione e l’impegno della Fidapa “Morgana”. Di fronte ai dati sulle violenze subite dalle donne – ha spiegato – ogni manifestazione è decisiva per affrontare una riflessione su un fenomeno grave e particolarmente specioso. Tutti gli attori istituzionali, associativi e civili coinvolti nel contrasto alla violenza sulle donne devono operare in sinergia perché non abbiano più a ripetersi abusi, soprusi e violenze che vanno condannati e repressi».

top