martedì,Febbraio 27 2024

Villa San Giovanni, nomina Responsabile prevenzione: Momento civico bacchetta il sindaco

L’associazione vuole il merito di aver segnalato al prefetto la violazione delle norme dell’amministrazione: «Metodo borbonico»

Villa San Giovanni, nomina Responsabile prevenzione: Momento civico bacchetta il sindaco

«Siamo di fronte alla più grande, ma anche la più bassa, rappresentazione dell’ipocrisia e mistificazione che la città di Villa San Giovanni abbia mai conosciuto ed i giorni a seguire non potranno che aggravare una situazione che va oltre il limite del rispetto per la città e per i cittadini».

Così in una nota l’associazione “Momento civico” dopo la comunicazione con richiesta di intervento al Prefetto di Reggio Calabria, «a causa delle evidenti e gravissime violazioni alle norme sulla trasparenza e sull’accesso civico».

L’intervento dell’Ufficio Territoriale del Governo, fa sapere l’associazione, non si è fatto attendere e con una pec ha intimato al sindaco la nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione e trasparenza, incarico normalmente svolto dallo stesso soggetto.

«Tuttavia – incalza “Momento civico” – la notizia della successiva immediata nomina, con decreto sindacale, è stata data come se fosse stata una scelta amministrativa, senza che venisse dato alcun peso alla fallimentare gestione dei rapporti con i cittadini e con le norme di legge, trattate da chi amministra come un inutile fastidioso orpello di cui fare a meno, mentre UE e lo Stato Italiano attribuiscono alle regole sulla trasparenza una rilevanza strategica in funzione dell’obiettivo di coinvolgere e incentivare la partecipazione dei cittadini alla vita collettiva».

Questo metodo, che Momento civico definisce «borbonico», di gestione della cosa pubblica, «oltre ad esprimere la cifra di una totale inadeguatezza dell’attuale classe amministrativa, indica come gli atti in attesa di risposta nascondano verità inconfessabili e la cui sintomatica espressione è stata già espressa su un’ondivaga gestione delle questioni economico-finanziarie e sulle ambigue e discutibili regole d’ingaggio con almeno una parte della minoranza».

«Una questione gravissima – si òegge ancora nella nota – perché lede il principio di legalità ed imparzialità che deve accompagnare tutte le attività di ogni pubblica amministrazione e sottende a meccanismi indecifrabili che, fortunatamente, non sono sfuggiti ai più attenti. Senza un freno a questa deriva istituzionale, diventa facile riempire gli auditorium con supporters, parenti e tifosi ed, in fondo, noi ci stiamo comportando esattamente come indicato dal sindaco: facendo leva e chiedendo gli interventi di quelle autorità, in attesa di attivarne delle altre, senza il timore di essere smentiti. Il rispetto delle istituzioni passa per il rispetto delle regole date e nessuno può e deve sentirsi immune da questo».

«Altro che “insieme” e altro che “beni comuni”! Ogni giorno di più si ha la consapevolezza di essere di fronte alla replica della rappresentazione cinematografica del “Marchese del Grillo”, dove – conclude la nota di Momento civico – tutto il resto del mondo è costretto a fare la parte dei popolani, cui la nobiltà del censo non deve dar conto».

Articoli correlati

top