domenica,Giugno 16 2024

Taurianova, Papa Francesco invia doni ai bambini orfani del progetto “L’arte che accarezza”

A consegnarli il vescovo Francesco Milito che ha accolto i bimbi in Curia

Taurianova, Papa Francesco invia doni ai bambini orfani del progetto “L’arte che accarezza”

Dopo aver risposto alla loro lettera, Papa Francesco ha inviato anche un dono speciale – una croce da lui benedetta – ai bambini di Taurianova, orfani di uno o di entrambi i genitori, che fanno parte del progetto “L’arte che accarezza”, ideato dalle associazioni “Fraternamente” e “Mammalucco”, che hanno deciso di lavorare sinergicamente per offrire loro tempo, cure e attenzioni attraverso attività ludico-ricreative che permettano a ogni bambino di socializzare e sentirsi meno solo. Le due associazioni, dopo la prematura morte dei soci Nilla Macrì e Salvatore Muratore, hanno voluto fare qualcosa di concreto per i loro figli e per tutti i bambini della città che hanno provato il dolore della perdita dei genitori.

Il Papa, dopo essere venuto a conoscenza di questa realtà, attraverso la lettera che gli hanno inviato i bambini a dicembre, oltre alla paterna benedizione apostolica, ha inviato a ciascuno di loro una croce da lui benedetta, con l’auspicio di «riacquistare la serenità interiore per vivere la vita ricolmi di gioia spirituale assieme alle persone care». La croce è stata consegnata personalmente dal vescovo della diocesi di Oppido Mamertina – Palmi Francesco Milito, che ha accolto i bambini nei nuovi locali della Curia diocesana. Il saluto dei ragazzi è stato letto da Piergiorgio (7 anni), che a nome di tutti i bambini, dopo aver chiesto e ottenuto dal vescovo l’autorizzazione di rivolgersi a lui con il “tu”, ha confidato la loro grande sofferenza: «Sai, ogni tanto ci viene da piangere perché i nostri genitori che sono in cielo ci mancano tanto, però li sentiamo forti nel nostro cuoricino e siamo sicuri che da lassù ci guardano sempre, anche adesso». 

Al vescovo hanno poi rivolto una richiesta e fatto una promessa: «Lo sai che a maggio due di noi faranno la prima comunione? Sono Giorgia e Gaetano! Ricordali nel tuo cuore quando vivrai le prime comunioni con altri bambini della diocesi e noi non ci dimentichiamo di pregare per te! Ti vogliamo bene, amico Vescovo!». Nel ringraziarli per la visita, il vescovo ha quindi consegnato a ciascuno la croce inviata da Papa Francesco, abbracciando commosso ogni bambino. Il vescovo ha scambiato carezze con i più piccoli e ha voluto conoscere i lori sogni e desideri. Da parte sua il vescovo, ha regalato a ogni bambino un angioletto con uno strumento musicale in mano, affinché possa aiutarli «a sentire una dolce melodia ogni qual volta il vostro cuoricino abbia bisogno di coraggio» e un’immagine della Madonna, per poi offrire loro un delizioso buffet.

top