martedì,Luglio 23 2024

Oppido, le “fantastiche collezioni” degli studenti in mostra al Museo Diocesano

La memoria degli oggetti al centro della mostra allestita dagli alunni della scuola secondaria dell’Istituto comprensivo

Oppido, le “fantastiche collezioni” degli studenti in mostra al Museo Diocesano

“Fantastiche collezioni La memoria degli oggetti: il museo come luogo per ricordare è il titolo della mostra che, dallo scorso Marzo, è visibile al Museo Diocesano di Oppido Mamertina. La grande novità rispetto alle mostre da sempre allestite nel Museo stesso, è che sono state esposte le collezioni degli alunni delle classi IA e IB della Scuola Secondaria di primo grado “Dante Alighieri” di Oppido Mamertina, dell’Istituto Comprensivo “Oppido Molochio Varapodio”.

«Abbiamo creduto fin da subito in questo progetto – dice la Dirigente Scolastica dell’Istituto, Dott.ssa Francesca Maria Morabito – svolto in orario curriculare, perché i nostri ragazzi hanno potuto avvicinarsi al mondo dell’arte e della bellezza non solo in classe, quindi studiando Arte e Immagine con la docente, ma anche fuori, in un museo e nel museo della loro cittadina; hanno potuto immergersi nelle bellezze del Museo, conoscendolo ed apprezzandolo sempre più. Ma soprattutto hanno capito l’importanza della custodia e della memoria di ciò che per ognuno di noi è caro».

Dopo un percorso di ricerca, osservazione, raccolta e, infine, di composizione – portato avanti dapprima nelle classi ed in seguito nel Museo stesso – guidati dalla docente di Arte Daniela Costanzo, e dalla Responsabile dei servizi educativi del MuDOP, Mara Parisi, «i ragazzi hanno assemblato degli oggetti che stavano loro a cuore, che avevano custodito gelosamente negli anni, creando così delle vere e proprie composizioni artistiche, quasi fossero delle vere e proprie opere di arte contemporanea. Il tutto fatto con grande partecipazione ed entusiasmo da parte degli alunni che, dopo uno studio teorico sulla memoria, hanno iniziato a cercare e ricercare ciò che fossero loro caro, non solo come oggetti ma anche attraverso foto che ritraevano luoghi e momenti per loro sostanziali».

Presente all’inaugurazione della mostra anche il Direttore del MuDOP, l’ingegnere Paolo Martino che ha espresso grande entusiasmo per questo progetto di “museo in uscita” e che si è complimentato con ogni singolo alunno per i lavori eseguiti. «Queste sono attività fondamentali – ha detto l’ingegnere Martino – non solo per il Museo che da ormai vent’anni lavora sul territorio, ma anche per la Scuola poiché è basilare cercare il dialogo con essa e imprimere nei nostri ragazzi e giovani dei percorsi per farli avvicinare all’arte contemporanea»

Le originali opere degli studenti nate da questo progetto sono tuttora esposte al Museo Diocesano di Oppido accanto alle opere di grandi artisti come Martini e Musitano, a paramenti, statue e dipinti.

Articoli correlati

top