lunedì,Maggio 27 2024

Locri, Gratteri: «La nostra antimafia sono i nostri comportamenti»

L'intervento del magistrato ospite dell’iniziativa per celebrare i 20 anni del consorzio Goel

Locri, Gratteri: «La nostra antimafia sono i nostri comportamenti»

«C’è una grande ipocrisia da parte di chi parla di lavoro e dei bisognosi». Così il magistrato Nicola Gratteri, ospite a Locri dell’iniziativa per celebrare i 20 anni del consorzio Goel. Da tanti anni il procuratore di Catanzaro cerca di spiegare a chi lo ascolta la convenienza a non delinquere. E cita un aneddoto che lo ha visto coinvolto al premio Caccuri, «diventato in pochi anni – ha detto il premio più importante per la saggistica in Italia. In quella sede – ha aggiunto – un importante personaggio politico spiegava che bisogna tornare a parlare al popolo e alle periferie. Il giorno dopo scendendo le scale dell’albergo come Wanda Osiris non ha salutato nessuno, neanche gli ufficiali dei carabinieri. A Roma in Parlamento – ha sottolineato il procuratore – si passano le giornate a commentare i tweet».

Quindi un passaggio sulle infrastrutture: «Non esiste alcun progetto per la Reggio-Taranto o per altre opere per renderle uguali a quelle del nord Italia. In Calabria abbiamo tratti di strada del ventennio fascista. Qui non abbiamo bisogno di assistenzialismo, non facciamo antimafia con la partita Iva. La nostra antimafia – ha concluso Gratteri – sono i nostri comportamenti».

Articoli correlati

top