mercoledì,Febbraio 28 2024

Reggio, un trekking urbano sulla via della fede di San Paolo

Il progetto ha l’ambizione di fare diventare la città luogo di attrazione intorno alla figura del santo con riferimento a interessi di diversa natura

Reggio, un trekking urbano sulla via della fede di San Paolo

La Città Metropolitana di Reggio Calabria tappa attrezzata di un “Cammino” di rilievo nazionale che possa rientrare nel sistema delle Reti nazionali dei Cammini, e luogo di attrazione per gruppi scout, pellegrini e turisti per la conoscenza della figura di San Paolo, fondatore della Chiesa reggina, patrono dell’Arcidiocesi di Reggio-Bova e patrono della branca R&S degli Scout, È passato in giunta comunale, con delibera dello scorso 9 ottobre, il protocollo di intesa con l’arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova del progetto “La via della fede di San Paolo. Un trekking urbano a Reggio Calabria alla scoperta dell’apostolo delle genti”.

Il progetto

L’Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova, su proposta dell’Associazione “Pattuglia di San Paolo” costituita da Scout adulti della Città di Reggio Calabria aderenti a differenti Associazione di matrice scout promuove la realizzazione del Progetto “La Via della Fede di San Paolo da Siracusa a Roma” e del Progetto “Trekking urbano a Reggio Calabria alla scoperta di San Paolo”.

L’obiettivo è a fare diventare Reggio Calabria tappa attrezzata di un “Cammino” di rilievo nazionale che possa rientrare nel sistema delle Reti nazionali dei Cammini, e luogo di attrazione per gruppi scout, pellegrini e turisti per la figura di San Paolo, fondatore della Chiesa reggina.

Già con Deliberazione della Giunta Comunale n. 131 dell’8 luglio 2019, l’amministrazione ha aderito al Progetto promosso dall’Arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova “La Via della Fede di San Paolo da Siracusa a Roma “ e “ Il trekking urbano a Reggio Calabria alla Scoperta dell’Apostolo delle Genti”.

Il protocollo

Di seguito, lo scorso 9 giugno si è tenuto un incontro tra l’Arcidiocesi Reggio Calabria–Bova, soggetto promotore del progetto, presieduto dall’Arcivescovo S.E. Mons. Fortunato Morrone e la Partnership di progetto in cui si è provveduto a concordare un Protocollo d’Intesa che definisce l’impegno programmatico di ciascun Partner finalizzato alla concretizzazione del progetto “La Via della Fede di San Paolo da Siracusa a Roma “ ed il relativo progetto prioritario “ Il trekking urbano a Reggio Calabria alla Scoperta dell’Apostolo delle Genti”.

In particolare, per l’attuazione del Protocollo d’Intesa, è stata istituita una Segreteria Tecnica, che ha il compito di programmare e coordinare le attività previste e supportare i singoli soggetti nell’attuazione di quanto di propria competenza, costituita da un rappresentante della Diocesi di Reggio-Bova e un rappresentante della “Pattuglia di San Paolo” ASP, in qualità di Soggetti promotori, e n. da 3 a max 5 rappresentanti del partneriato, eletti tra i soggetti Partner del progetto sottoscrittori del presente protocollo; • il Comune di Reggio Calabria è stato inserito tra i Componenti della Segreteria tecnica del Progetto “La Via di San Paolo” e pertanto ha preso parte con suo delegato alle riunioni operative tenutesi presso il Museo diocesano di Reggio Calabria nei mesi di luglio e settembre 2023.

Le tappe del cammino

Il progetto nasce per colmare il vuoto che si registra al Sud rispetto alla rete delle Vie Francigene e alle Vie dei pellegrinaggi verso Roma e/o la Terra Santa, recuperate e valorizzate di recente, e realizzare un “Cammino” che abbia un valore religioso, anche su basi storiche, e che possa arrivare a Roma attraversando le regioni meridionali dell’Italia (Sicilia, Calabria, Basilicata, Campania e Lazio). Come le “Vie Francigene” conducono a Roma sui percorsi storici che i pellegrini usavano dal Nord Europa per arrivare a San Pietro e le “Vie dei pellegrinaggi “collegano Roma alla città di Brindisi e Santa Maria di Leuca, antico percorso di pellegrinaggio tra Roma e la Terra Santa attraverso la Puglia, la “Via della Fede di San Paolo “vuole essere un nuova “Via “esperienziale che si rifaccia al viaggio che San Paolo, da prigioniero, nel 61 d.C. fece, prevalentemente via mare, da Cesarea a Roma, con tre tappe in Italia: a Siracusa dove si fermò tre giorni, a Reggio Calabria dove si fermò presumibilmente un giorno e una notte, a Pozzuoli dove restò una settimana e da dove partì alla volta di Roma utilizzando una via di terra attraverso le località “Foro di Appio” e “Tre Taverne”.

I luoghi di Reggio

Per questo serve creare le condizioni per organizzare un’esperienza di “Cammino”, via mare, con le tappe di Siracusa – Reggio – Pozzuoli ed eventualmente Malta, coinvolgendo le città interessate e stimolando anche in loro l’idea di diventare tappe “attrezzate” della Via di San Paolo. Le tappa attualmente individuate sono le seguenti: Duomo (statue San Paolo e Santo Stefano da Nicea, Frontone esterno, Porte bronzee, lapide esterna, Pulpito della navata centrale, Cappella San Paolo con la Colonna del Miracolo, Cappella SS Sacramento, Presbiterio, Lapide, vetrata).

Museo Diocesano “Mons. Aurelio Sorrentino” che ospita tra l’altro il dipinto proveniente dall’antica Cattedrale e raffigurante la Predicazione di San Paolo ed il prodigio della colonna ardente in restauro. Il Santuario di San Paolo alla Rotonda; Lungomare di Reggio Calabria dalla Rada dei Giunchi all’Area del tempietto Ex Molo di Porto Salvo, sprofondata nel 1562 (punta Calamizzi), dove sorgeva il Tempio di Diana Fascelide (Artemide) e approdò San Paolo e dove un tempo vi era una Chiesa dedicata a San Paolo che custodiva la colonna del miracolo. Sul lungomare si conservano i ruderi della città romana (terme) e della città greca (mura); Monumento a San Paolo su viale Zerbi; Palazzo Corrado Alvaro (sala consiliare: Mosaico del Miracolo di San Paolo a RC); Chiesa dei Pipi ubicata nell’acropoli reggina e originaria chiesa di San Paolo; Museo della Fondazione San Paolo – Palazzo della Cultura; . La chiesa ortodossa di “San Paolo dei Greci”; Stele dedicata a S. Paolo sulla Collina di Pentimele; Seminario Arcivescovile Pio XI – Cappella Maggiore “San Paolo” 12. MArRC Museo Archeologico di Reggio Calabria per conoscere la Rhegium del 61 d.C. e la storia antica della Città e del territorio. Inoltre, con riferimento alla figura di San Paolo e alla sua testimonianza sono state individuate ulteriori possibili tappe tra cui: La Via Giudecca, alla luce della figura di Paolo ebreo ed eventualmente la Biblioteca comunale “Pietro De Nava” dove è custodita copia anastatica della prima Bibbia in lingua ebraica che fu stampata ad incunabolo a Reggio Calabria nel 1475 nel quartiere della Giudecca; Chiesa Battista – Chiesa Cristiana Evangelica Battista Internazionale – per il tema del battesimo

Articoli correlati

top