lunedì,Giugno 24 2024

Niente elezioni comunali a San Luca, Oliva: «Una scelta che sembra una resa»

Il vescovo della diocesi di Locri: «Persa la fiducia nelle istituzioni, ma recarsi alle urne è un diritto e un dovere»

Niente elezioni comunali a San Luca, Oliva: «Una scelta che sembra una resa»

«Dei 25 comuni della Città Metropolitana di Reggio Calabria che rinnoveranno i propri consigli, 14 ricadono nella nostra diocesi. Sarebbero stati 15, ma a San Luca non è stata presentata alcuna lista. Conosco bene le sofferenze e le ferite di questa comunità: San Luca in questi ultimi anni è cresciuta tanto nella consapevolezza della propria identità ed ha saputo mostrare il duo volto positivo. Mi dispiace però per questa scelta che a tanti sembra essere una resa». Così il vescovo della diocesi monsignor Francesco Oliva a conclusione della visita pastorale nelle comunità del territorio.

«Le elezioni europee e quelle comunali sono due espressioni di democrazia che hanno grandi ricadute sul presente e sul futuro della nostra terra – ha sottolineato Oliva – non possono e non devono essere trascurate. Recarsi alle urne è un diritto e un dovere. Dal voto dipendono la democrazia e soprattutto la vita della comunità. Il governo della Città è nelle mani di tutti, nelle nostre mani e non possiamo arrenderci, cedendo alla deriva del disinteresse e del chiuderci in noi stessi. Non dobbiamo lasciare agli altri quello che ci tocca fare personalmente. Col il proprio voto ognuno contribuisce a costruire la città. Scrivo anche perché avverto troppo disinteresse per la politica: alcuni paesi sembrano aver perso la fiducia nelle istituzioni, si sentono abbandonati, al punto da ritenere che non valga la pena andare a votare. Tanto non serve a nulla! Chi ama la propria Città non si tira indietro, non si arrende, non l’abbandona e non si disinteressa del suo futuro. Lo dico anzitutto ai più giovani: non ritiratevi dalla politica, il governo della comunità vi appartiene, con la vostra fantasia, creatività ed entusiasmo giovanile potete creare le condizioni per un futuro migliore ed una comunità più bella ed umana».

«È vero: abbiamo bisogno di una buona politica. Cosa non facile, ma possibile. E lo vediamo in tanti nostri amministratori che non si tirano indietro per amore verso la propria città. Una cosa è certa: essere buoni politici è la risposta ad una vocazione, un atto di fraternità e di amore: si scende in campo per ciò che appartiene a tutti, per quanto realizza il bene comune. E questo anche a costo di sacrificare del proprio tempo e delle proprie cose. Mi permetto di sottolineare che l’amore politico favorisce le condizioni che permettono a tutti gli altri amori di fiorire: l’amore per la famiglia, per la casa comune, per l’ambiente, per chi soffre, per gli anziani, per i giovani che hanno bisogno di un lavoro, per chi vuole studiare e ha bisogno di scuole e di libri, per chi si dedica alla propria azienda e ha bisogno di strade e ferrovie, di regole certe».

Per il vescovo Oliva «Occorre evitare polemiche inutili, contrapposizioni spesso odiose, sapendo avere rispetto per chi è in un’altra lista. Aprendosi comunque a quella collaborazione che porta a mettersi in rete. Riconoscendo che nessuno ha da solo la soluzione a tutti i problemi del territorio. Lo ribadisco ancora: la Locride ha bisogno di coesione e di unità; sui problemi non ci si divide mai. Con la presente intendo ringraziare i sindaci che portano avanti il loro impegno amministrativo con dignità ed onestà e anche i sindaci che stanno per terminare il loro mandato. So delle difficoltà che questi ultimi hanno dovuto affrontare, spesso anche da soli, so anche dell’impegno profuso e dei risultati ottenuti. L’augurio è che possano trasferire a chi verrà dopo di loro specie ai più giovani il coraggio di continuare».

top