lunedì,Novembre 30 2020

Rieti-Reggina non si è giocata. Vittoria a tavolino per gli amaranto

Problemi con la regolarità dei documenti per l'allenatore dei laziali: deroga scaduta e nessuna possibilità di sedere in panchina. Un pasticcio che si poteva evitare

Rieti-Reggina non si è giocata. Vittoria a tavolino per gli amaranto

di Paco – Rieti-Reggina non si è giocata. Da qualche minuto è arrivata l’ufficialità di una decisione che ha preso sempre più corpo nell’ultima ora quando si è capito, anche tramite le parole del dg amaranto Gianni, che il Rieti aveva dei problemi con la documentazione da presentare alla federazione.

Alle 15 la società di casa ha presentato la distinta ufficiale, ma la terna arbitrale ha riscontrato immediatamente una prima irregolarità: non vi era alcun allenatore abilitato alla categoria. Caneo ha inviato certificato medico, Pezzotti è un “Uefa B” e, in passato, ha ottenuto una deroga, per guidare la squadra, di appena un mese. Oggi, però, tale deroga risulta scaduta. Da qui l’impossibilità per la squadra dei ragazzini di poter anche solo scendere in campo e disputare un match che appariva già profondamente segnato. A Toscano non è rimasto altro che attendere il trascorrere dei primi 45 minuti di tempo, così come prevede il regolamento, per poi far disputare un leggero allenamento ai suoi ragazzi. La formazione della Berretti del Rieti, invece, dopo essere scesa in campo, è tornata negli spogliatoi. Per la squadra laziale si profila la sconfitta per 3-0 a tavolino. Nette le parole del dg amaranto, Andrea Gianni: «La partita non verrà disputata. Mancano i requisiti minimi al Rieti per poter giocare. Ci sono delle irregolarità. Adesso la squadra ringrazierà i tifosi presenti e arrivati fino a qui, poi torneremo a Reggio».Ieri mister Toscano aveva detto che, se in campo fosse scesa la Berretti del Rieti, sarebbe stata una sconfitta per tutti. 

Resta l’amarezza per un pasticcio che già era ampiamente prevedibile con la discesa in campo della squadra giovanile, ma poi reso ancor più assurdo da una situazione che, ben difficilmente, la società laziale non avrebbe potuto conoscere già da qualche giorno. Per gli amaranto, di contro, tre punti in cascina e primato che continua a rimanere intaccato. Tuttavia, questa ennesima farsa non può che far male al calcio della serie C.