giovedì,Dicembre 2 2021

Festa della pallavolo Csi: in campo rifugiati, migranti e atleti delle società sportive

Al PalaColor di Pellaro, l’Open day di pallavolo #FacciamoMurocontrOgniViolenza. In occasione della Giornata internazionale della pace e della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, lo sport ha fatto squadra

Festa della pallavolo Csi: in campo rifugiati, migranti e atleti delle società sportive

Inclusione sociale, cultura della pace e accoglienza anche attraverso il gioco e lo sport. Sabato pomeriggio, in occasione della Giornata internazionale della pace e della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, al PalaColor di Pellaro è andata in scena la grande festa dello sport Csi. La manifestazione di pallavolo, si è aperta con un set straordinariamente significativo e molto partecipato. Capitani delle squadre, atleti, volontari e i ragazzi del Sai (Sistema accoglienza integrata) di Ardore e Reggio, in campo insieme per riaffermare ancora una volta l’importanza del noi come cammino da seguire per sviluppare percorsi di pace, accoglienza e integrazione.

Simbolicamente, gli atleti in campo, hanno provato ad abbattere, anche con un pallone da volley, i muri che ostacolano la cultura dell’incontro e dell’accoglienza. Il percorso educativo e culturale, da anni intrapreso dal Csi di Reggio Calabria, è stato caratterizzato dalla rete di solidarietà costituitasi a sostegno dell’iniziativa: enti, associazioni, volontari, atleti e dirigenti sportivi, hanno scelto di fare squadra intorno a valori chiari e imprescindibili. L’idea è quella di “aprire” le società sportive, favorendo un’accoglienza diffusa e costante nel tempo. Trasformare le squadre in quelle frontiere dove è privilegiato l’incontro e la partecipazione.

Prima dell’avvio del torneo infatti, la dirigente del comitato e componente della commissione Pallavolo Csi Valentina Pagano, ha presentato alle squadre l’iniziativa come una grande opportunità di scambio interculturale, cosi da promuovere lo sport come strumento di educazione, integrazione, impegno e pace, anche nell’ottica del miglioramento della qualità della vita dei migranti e della società che li ospita. «Crediamo nello sport come strumento di inclusione sociale – hanno spiegato i dirigenti del Comitato provinciale Csi – per questo pensiamo che quest’esperienza possa essere un’apripista per una rinnovata programmazione delle azioni socio-sportive sul nostro territorio. È il momento di fare squadra, il noi deve prevalere sull’io. In questo, lo sport spesso ha fallito, essendo altresì un coacervo di esempi negativi e personalismi esasperati. Noi facciamo la nostra parte, mettendoci sempre la faccia. Crediamo, da tempo, che certe “partite” vadano sempre giocate».

L’intenso ed emozionante inizio, caratterizzato anche da un clima di festa e partecipazione, ha lasciato spazio al torneo di pallavolo mista Csi tra diverse squadre del territorio e, subito dopo, alle premiazioni delle società sportive vintrici dei campionati di pallavolo dello scorso anno. Alla presenza dei dirigenti del Comitato Nicola Marra (coordinatore della commissione pallavolo Csi), Paolo Simone, Giovani Dascola, Francesco Caridi e Bruno Callea, sono state premiate le squadre del campionato di pallavolo mista: Tiger Villese al primo posto, Dinamica medaglia d’argento ed Ecstravolley al terzo posto.

Alla Reggio Sporting il primo posto nella pallavolo femminile. Secondo piazzamento per Ecstravolley e terzo posto per Spaziovolley. Nel campionato di pallavolo maschile invece, al primo posto Dinamica, secondo piazzamento per Tiger Villese e medaglia di bronzo per Ecstravolley. Combattutissima la finale del torneo #facciamomurocontrolaviolenza. Primo posto per la Tiger Pallavolo Raffaele Battaglia. Secondo piazzamento per i Wild Bears. Questa giornata ha di fatto aperto la stagione della Pallavolo Csi. Ai nastri di partenza tante società sportive.

top