martedì,Luglio 16 2024

Ospedale di Locri, l’emergenza rifiuti continua. Presto un’isola ecologica?

La spazzatura all’esterno del nosocomio non viene ormai raccolta da oltre un mese e mezzo e il materiale accumulato ha raggiunto i 200 quintali di indifferenziato. La Uil-Fpl: «Intervenga la magistratura»

Ospedale di Locri, l’emergenza rifiuti continua. Presto un’isola ecologica?

Una nuova isola ecologica attrezzata e moderna al fine di dare una soluzione all’emergenza rifiuti dell’ospedale di Locri. E’ questo l’obiettivo fissato dalla direzione sanitaria della struttura di contrada Verga guidata da Salvatore Barillaro. La spazzatura all’esterno del nosocomio non viene ormai raccolta da oltre un mese e mezzo e il materiale accumulato ha raggiunto ormai i 200 quintali di indifferenziato. Soltanto una volta che la Metrocity autorizzerà il Comune a conferire una maggiore quantità di immondizia rispetto a quanto attualmente previsto il servizio riprenderà regolarmente. Intanto però lo spettacolo che appare davanti agli occhi dei pazienti e degli operatori sanitari non è dei più edificanti.

Sul tema è intervenuta anche la segreteria territoriale della Uil-Fpl, che ha assunto una posizione netta. «Siamo ormai abituati ai proclami – ha detto il sindacalista Nicola Simone – Purtroppo è da anni che l’ospedale di Locri viene scambiato per una discarica. C’è una situazione di degrado assoluto all’interno dell’azienda. Siamo senza primari, senza attrezzature, senza farmaci, siamo allo sbando totale e l’attuale amministrazione è forse tra le peggiori avute negli ultimi anni. Si va avanti con clientele che noi stiamo cercando di combattere a ogni livello. E’ inammissibile mantenere quello stato di incuria a pochi passi dai reparti. Invitiamo il Prefetto e la Magistratura ad intervenire – ha concluso Simone – c’è un’anarchia totale e nessuno si è ancora sentito in dovere di assumersi responsabilità».

top