martedì,Novembre 30 2021

Locri, il Comune aderisce all’iniziativa “Io leggo perchè”

I libri acquistati riguardano la Costituzione italiana spiegata ai ragazzi e il mondo delle fiabe che parla della salvaguardia dell’ambiente. La soddisfazione dell'assessore Bumbaca

Locri, il Comune aderisce all’iniziativa “Io leggo perchè”

Con lo slogan “Fai felice una biblioteca scolastica. Dona un libro ad una scuola, l’assessore alla pubblica istruzione e cultura del Comune di Locri Domenica Bumbaca ha accolto l’invito nazionale ad acquistare dal 20 al 28 novembre libri per le scuole e con la propria indennità ha regalato alcuni libri ai plessi locresi. Come lo scorso anno ho acquistato direttamente da Mag libreria aderente all’iniziativa, i libri per le scuole della mia città. Un piccolo pensiero a tutti i plessi dell’Istituto comprensivo De Amicis Maresca guidato dalla dirigente Carla Galletta.

I libri acquistati riguardano la Costituzione italiana spiegata ai ragazzi, il mondo delle fiabe che parlano della salvaguardia dell’ambiente, libri di fiabe di Antonella Iaschi, e il libro dell’autrice locrese Melania Nuara Cloe e Chagall. Il Mangiasogni. «L’invito che rivolgo alle scuole, che non lo hanno ancora fatto, è quello di accreditarsi a questa iniziativa e pubblicizzare il più possibile, oltre che consigliare alle librerie della città di aderire» – dice Bumbaca-. Al plesso Virgilio il libro è stato consegnato in occasione della Giornata dell’albero, mentre De Amicis e Scarfò lo hanno ricevuto in occasione della vista della mostra sui diritti dei bambini e gli altri plessi Belvedere, Santa Monica nei giorni prossimi riceveranno il loro libro.«Il ringraziamento va alle insegnanti che lavorano e sostengono queste iniziative e con il contributo dei cittadini e degli editori, in base ai libri donati, si regaleranno altrettanti agli Istituti».

Con l’auspicio che presto verrà ripristinata la biblioteca comunale, dove ci sarà uno spazio dedicato interamente alla “biblioteca per ragazzi” l’assessore Bumbaca ricorda che è disponibile ed accessibile la smart library “Paolo Pollicheni” dove già i giovani frequentano gli spazi per studiare e lavorare, oltre che poter consultare i libri.

top