Il Natale di Bagnara si accende con la festa del Torrone

Nel weekend dell'Immacolata la rassegna promossa dall'Amministrazione Comunale. Frosina: «Eccellenza riconosciuta in tutta Italia»
Nel weekend dell'Immacolata la rassegna promossa dall'Amministrazione Comunale. Frosina: «Eccellenza riconosciuta in tutta Italia»

Si terrà a Bagnara Calabra sabato 7 e domenica 8 dicembre la “Festa del Torrone”, promossa dall’Amministrazione Comunale della cittadina della Costa Viola, e patrocinata dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria. L’inizio è previsto per le ore 16.30 e si andrà avanti fino alle 23.00. Nel corso della due giorni oltre alla degustazione del torrone, l’esposizione di prodotti provenienti dalle pasticcerie e dalle fabbriche cittadine, concerti, intrattenimento per i bambini, luci, giochi, musica e la dimostrazione negli stand, allestiti lungo il Corso Vittorio Emanuele, della preparazione del dolce tipico bagnarese. Apertura della festa che tocca all’Orchestra di Fiati Città di Bagnara, a seguire artisti di strada e i zampognari di Cardeto animeranno la festa. In Piazza Matteotti, oltre all’area informativa e comunicazione, ci sarà l’esposizione dei produttori di mandorle e miele, ingredienti principali per la produzione del torrone.

«L’evento – ha spiegato il sindaco Gregorio Frosina – fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, ha coinvolto dieci torronai, e vuole essere un ulteriore momento di promozione e valorizzazione di un’eccellenza conosciuta in Italia e nel mondo. Dal 2014 è il primo torrone Igp per le varietà Martiniana e Torrefatto glassato, e questo ci inorgoglisce, ma allo stesso tempo impegna tutti a dare il massimo per tenere alto il nome di un prodotto che esalta Bagnara e la Calabria intera».  Anche il vicesindaco, con delega al turismo, Mario Romeo auspica «che tutto possa riuscire al meglio per una festa pensata per l’intera città, e che vede come protagonista assoluto il dolce più conosciuto e rinomato di Bagnara». A sostenere l’iniziativa anche l’Associazione Commerciati di Bagnara Calabra, che con il Commissario Domenico Soldano, ha preso l’impegno di illuminare il lungomare, e di fornire supporto alla manifestazione con alcuni spettacoli.

La prima fabbrica di torrone in Calabria è stata fondata proprio nella cittadina della Costa Viola nella metà del 1800, da Francesco Antonio Cardone. Nel 1895 l’azienda diventò addirittura fornitrice ufficiale della Casa Reale. I principali ingredienti del torrone sono le mandorle, il miele e l’albume d’uovo, materie prime che in Calabria sono di prima scelta. Il miele di arancio calabrese è particolarmente aromatico e ricco di zuccheri. Il segreto della bontà del torrone di Bagnara sta forse nella giusta cottura, che dura molte ore, oltre che nell’indiscussa maestria di chi lo lavora.