mercoledì,Dicembre 2 2020

Nei carri di carnevale, un invito, a divenire portatori e testimoni di pace

Oggi e martedì pomeriggio la sfilata dei lavori allestiti dalla comunità parrocchiale di trecampanilinsolocuore (Prumo, Riparo, Cannavò) sui temi di illegalità e libertà

Nei carri di carnevale, un invito, a divenire portatori e testimoni di pace

Nei carri di carnevale, un invito, a divenire portatori e testimoni di pace. Oggi e martedì pomeriggio la sfilata dei lavori allestiti dalla comunità parrocchiale di trecampanilinsolocuore (Prumo, Riparo, Cannavò) sui temi di illegalità e libertà.

«Anche quest’anno la comunità parrocchiale di trecampanilinsolocuore (Prumo, Riparo, Cannavò) – di cui si fa portavoce Angela Branca – in occasione del carnevale, ha allestito 2 carri; opportunità oltre che di divertimento, di incontro, di aggregazione per i numerosi volontari, di tutte le età, quindi anche di confronto generazionale; un impegno comunitario per realizzare un progetto con un messaggio positivo da condividere con la città.


La zattera dell’illegalità e Il galeone della libertà sono i temi che saranno presentati nel corso della sfilata che si terrà oggi pomeriggio e martedì 25 sul corso Garibaldi a partire dalle ore 17. 00 , nell’ambito delle iniziative, proposte dall’Amministrazione Comunale della città.

La zattera dell’illegalità è il simbolo del fallimento, degli imbrogli, e degli intrallazzi, veri scogli del progresso e dello sviluppo, che ci costringono a galleggiare su zattere di fortuna, privandoci di essere uomini e donne veramente liberi. Il galeone della libertà rappresenta il coraggio di lottare per i diritti ed il bene comune, la libertà; la sfida contro ogni mostro marino… e non solo!


L’equipaggio raffigura lo spirito di collaborazione di una comunità forte e unita, che insieme vince le paure e apre nuovi orizzonti, condividendo gioie e dolori, difficoltà e vittorie. Un evento da non perdere – chiude la nota – fatto non solo di colori, di allegria, di maschere, ma di riflessione, un invito, a divenire portatori e testimoni di pace, di solidarietà, di libertà, e di amore per il bene comune».