domenica,Maggio 19 2024

Viabilità, sopralluogo consigliere Versace a Oppido. “Ci siamo rotti” accusa Comune di plagio

Il comitato rivendica la paternità dell’iniziativa di contattare il delegato alla Viabilità della Città metropolitana, mentre il sindaco Bruno Barillaro ne omette l’intervento

Viabilità, sopralluogo consigliere Versace a Oppido. “Ci siamo rotti” accusa Comune di plagio

«Non ci aspettiamo “grazie” da nessuno, ma neppure maldestri tentativi di plagio». Con queste parole i responsabili del comitato “Ci siamo rotti” hanno commentato le dichiarazioni del sindaco di Oppido Mamertina Bruno Barillaro, in merito al sopralluogo che il consigliere metropolitano con delega alla Viabilità, Edilizia sportiva e Programmazione della rete scolastica Carmelo Versace ha effettuato ieri in città, insieme ai tecnici della Metrocity, per prendere contezza delle problematiche che attanagliano la viabilità sul territorio.

«In seguito ai numerosi contatti con gli enti preposti della Città metropolitana – ha scritto il primo cittadino sulla pagina Facebook del Comune – si è concluso l’incontro istituzionale tra il sindaco, la Giunta comunale e il Consigliere metropolitano Carmelo Versace, alla presenza dei suoi collaboratori tecnici, per evidenziare insieme le pessime condizioni generali in cui versa la viabilità. Gli interventi richiesti, da effettuare con urgenza, consistono nella manutenzione straordinaria della strada “Madonna dei Campi – Ferrandina” e del tratto di strada che collega “Ferrandina – Quadrivio San Bartolo”; inoltre, sono stati programmati interventi migliorativi relativi allo svincolo Ferrandina e al bivio “Resta”.

É stata ribadita altresì, nel nostro territorio comunale, la necessità di intervenire con lavori manutentivi in via Piliere e nella strada che dal centro cittadino conduce all’Aspromonte. L’occasione – ha concluso il sindaco – è stata anche motivo per evidenziare lo stato di totale abbandono in cui riversano il campo polivalente e l’incompiuta struttura scolastica, situati entrambi sul corso Giuseppe Mittica. A seguito del sopralluogo svolto nelle sedi sopramenzionate e grazie all’interesse dimostrato da parte del consigliere Versace, si è stabilito di comune accordo di organizzare un tavolo tecnico al fine di definire gli aspetti tecnici e burocratici della struttura sportiva».

Nel post, il sindaco non fa alcuna menzione al comitato “Ci siamo rotti”, scatenando così la stizza dello stesso che di contro, con un altro post pubblicato sulla propria pagina Facebook, rivendica la paternità della richiesta di un sopralluogo da parte del consigliere metropolitano Versace. «Dopo un instancabile interessamento da parte del comitato – si legge nel post – che si è battuto e si batte senza sosta per diritti e servizi negati ai cittadini della Piana, si è concluso il sopralluogo del consigliere con delega alla Viabilità della Città metropolitana Versace, accompagnato dai tecnici incaricati.

Il consigliere, invitato dal comitato “Ci siamo rotti”, nella figura di Margherita Mazzeo – e pubblicamente nella seduta consiliare del 26 marzo scorso anche da parte del consigliere metropolitano Michele Conia – che ha promosso la petizione pubblica dell’11 gennaio con relativo esposto alla Procura, la richiesta di accesso agli atti del 2 febbraio, l’interrogazione consiliare del consigliere Conia del 2 marzo, la richiesta di interessamento al consigliere Giuseppe Ranuccio il 20 marzo scorso, ha incontrato il direttivo del comitato e, guidato dall’Amministrazione comunale, ha potuto anche ammirare i capolavori urbani del comune di Oppido: un palazzetto dello sport distrutto (e quindi abbandonato) anni or sono da un forte e fatidico maestrale, il cantiere anch’esso abbandonato delle nuove scuole comunali, l’ospedale dismesso, ma soprattutto le strade colabrodo.

La Pedemontana rubata, deviata e perduta per Oppido invece – si legge ancora nel post – non l’ha potuta vedere, perché non è mai arrivata. Non ha potuto sentire lo sdegno dei cittadini, ridotti a condizioni da terzo mondo, senza strade e quindi senza sanità. C’era poi molto altro da vedere: un carcere mai entrato in funzione, una maestosa montagna trapunta di frane, un sito archeologico mai valorizzato. In un tour guidato invece, il consigliere ha potuto constatare lo stato di degrado in cui versano le strade di collegamento del territorio pre-aspromontano che fa capo a Oppido, sottolineando come lo sfascio attuale sia causa di una manutenzione assente da decenni, tanto da richiedere un’immediata e radicale opera di messa in sicurezza».

Il Comitato spiega poi che, «come già comunicatoci tramite note informative ufficiali della Città metropolitana, il consigliere Versace ha ribadito l’impegno assunto dalla Città metropolitana di Reggio Calabria nei confronti del territorio di Oppido e dintorni per la riqualificazione di “alcuni” tratti viari. Ringraziando il consigliere per la disponibilità e l’impegno assunto, il Comitato ribadisce che non si accontenterà di “alcuni” interventi sporadici e occasionali, ma richiederà che, come previsto dalla Costituzione italiana, i cittadini di Oppido Mamertina e dintorni possano viaggiare in sicurezza, recarsi al lavoro e a scuola, senza mettere a repentaglio la propria vita a causa di soldi pubblici spesi male, sperperati o “mal gestiti”, disinteresse decennale, incuria e abbandono. Essere cittadini attivi è un onore per il comitato “Ci siamo rotti”, vuol dire lottare per i propri diritti, parlare chiaro e con cognizione, ma anche ricordare doveri e responsabilità mancate! Non ci aspettiamo “grazie” da nessuno, ma neppure maldestri tentativi di plagio».

I rappresentanti del comitato “Ci siamo rotti” insieme al consigliere metropolitano Carmelo Versace all’interno del palazzo municipale

top