giovedì,Giugno 13 2024

Il Console Onorario del Regno del Marocco calabrese Naccari in trasferta a Verona

Diversi sono stati i temi trattati: integrazione dei cittadini marocchini nelle due regioni, dialogo interculturale, tutela dei minori,gemellaggi,  rilascio di documentazione consolare

Il Console Onorario del Regno del Marocco calabrese Naccari in trasferta a Verona

Presso la sede del Consolato del Marocco a Verona si è tenuto un proficuo incontro tra il Console Onorario del Regno del Marocco in Calabria Avvocato Domenico Naccari ed il Console Generale di Verona Sig.ra Ouafa Zahi.

Diversi sono stati i temi trattati: integrazione dei cittadini marocchini nelle due regioni, dialogo interculturale, tutela dei minori,gemellaggi,  rilascio di documentazione consolare.

I due diplomatici si sono confrontati sulla positiva esperienza dei c.d. “Consolati Mobili”. Sono stati infatti oganizzati con successo nelle proprie aree di competenza, nel caso di Verona ne sono stati già effettuati tre l’ultimo dei quali  il 20 aprile presso gli spazi della Regione Trentino Alto Adige ed in Calabria   presso il Comune di Polistena il giorno 11 Maggio.

  Le due iniziative organizzate  per venire incontro alle esigenze ai cittadini marocchini residenti nelle Regioni interessate, ma distanti dalle sedi consolari,  hanno  avuto come scopo quello di evitare lunghi e dispendiosi viaggi per la richiesta di documenti.  Nei locali messi a disposizione dalle amministrazioni pubbliche italiane è stato possibile ritirare o richiedere i documenti. Nel caso di Polistena sono stati rilasciati circa 200 documenti mentre a Trento  450.

Il Console Zahi  ha evidenziato come a Verona quella del Marocco è la prima comunità straniera in termini numerici; infatti consta di circa 16000 cittadini marocchini presenti nella sola Città di Verona , 45.000 nell’intero Veneto ed è una comunità ben radicata sul territorio scaligero. 

Analoga realtà , seppure inferiore in termini numerici, (15.000) è  presente in Calabria.

I due diplomatici, preso atto della volontà del governo di attuare il c.d. Piano Mattei per l’Africa, hanno manifestato la necessità  di sensibilizzare i partner  pubblici e privati  delle aree di rispettiva competenza per  poter realizzare quanto statuito dal governo.

In ultimo il Console Naccari ha ricordato il recente patto di gemellaggio culturale siglato tra i Comuni di Vibo Valentia in Calabria e Dakhla in Marocco. 

L’incontro si è  concluso con la consumazione del tradizionale thè e con l’intesa di organizzare eventi  culturali insieme per favorire la conoscenza e l’interazione tra le diverse culture.

Articoli correlati

top