giovedì,Giugno 13 2024

Ponte sullo Stretto, Caminiti: «Assurdo l’emendamento bavaglio della Lega»

Il Sindaco di Villa San Giovanni netta contro la posizione del governo: «Nessuno può impedire o imbavagliare la libera e democratica manifestazione»

Ponte sullo Stretto, Caminiti: «Assurdo l’emendamento bavaglio della Lega»

Il Sindaco di Villa San Giovanni, dopo la presentazione dell’emendamento che vede un inasprimento delle pene per chi manifesta contro la costruzione di opere pubbliche strategiche, si è espressa in maniera fortemente contraria con un comunicato stampa.

«Dopo la manifestazione di sabato scorso – ha detto – a Villa San Giovanni che tutto è stato tranne che una manifestazione violenta, ma piuttosto una manifestazione pacifica, colorata, di tanti no differenti che si sono “parlati” e anche di tanti sì (alla sanità, alla pubblica istruzione, allo sviluppo sostenibile del territorio, alla tutela ambientale e paesaggistica), mi sembra assurdo che questo emendamento voglia colpire questo mondo! Chi manifesta il proprio pensiero in assoluta libertà e nel rispetto dei principi costituzionali e democratici è un’opportunità e giammai un problema per la Repubblica italiana».

«Siamo uno Stato di diritto – prosegue – e sono le istituzioni a dover pretendere il rispetto dei principi costituzionali, tutti! Io sono il sindaco che dal palco della manifestazione No ponte ha espresso una posizione istituzionale, basata su una scelta di metodo (quello tecnico scientifico), motivando il no al progetto: mi è stato permesso di intervenire nonostante fosse ben nota la posizione dell’amministrazione comunale di Villa San Giovanni, sono stata ascoltata e non contestata. Tutti abbiamo ascoltato e rispettato le opinioni altrui».

«Nessuno – conclude – può impedire o imbavagliare la libera e democratica manifestazione. Per tale ragione sembra a me davvero impossibile che un parlamentare abbia presentato un emendamento di questo tenore: non contro questo o quello, ma contro i capisaldi della Repubblica italiana, democratica ed antifascista! Occupiamoci noi istituzioni, per prime, di principi e valori: i beni immateriali di questo Paese valgono incommensurabilmente più di qualunque opera strategica, perché la prima infrastruttura è la garanzia delle libertà democratiche e dei principi irrinunciabili della nostra carta costituzionale».

Articoli correlati

top