mercoledì,Giugno 19 2024

Sanità, Occhiuto fissa gli obiettivi di mandato per Asp e Gom: priorità ridurre il debito

Il Commissario ad acta ha emanato una sedie di decreti in vista della redazione del Piano operativo. Due gruppi di lavoro si occuperanno della rete delle strutture territoriali e ospedaliere

Sanità, Occhiuto fissa gli obiettivi di mandato per Asp e Gom: priorità ridurre il debito

Sono undici i decreti emessi dal Commissario alla sanità Roberto Occhiuto con l’intento di rimettere in piedi il sistema sanitario regionale. Il tutto da considerare propedeutico all’approvazione del redigendo Piano operativo 2022/2025. Con due specifici decreti infatti vengono costituiti due gruppi di lavoro che avranno il compito di operare una revisione/aggiornamento della rete ospedaliera – ferma alle disposizioni del decreto 64 del 2016 – e della rete territoriale, ispirata invece dai decreti 65 e 67 del 2020. In entrambi i casi si dovrà procedere alla costituzione di un gruppo di lavoro che sarà guidato e coordinato da Direttore generale del dipartimento Salute Iole Fantozzi e ne fanno parte due componenti di Agenas, tre rappresentanti aziendali, e 1 esperto organizzazione Covid. Per il gruppo che si occuperà della revisione della rete ospedaliera, si aggiungeranno il Dirigente del Settore “Programmazione dell’offerta Ospedaliera e Sistema delle Emergenze-Urgenze” e un esperto “emergenza-urgenza”: al gruppo che invece lavorerà all’aggiornamento della rete territoriale si aggiungeranno il Dirigente del Settore “Assistenza territoriale – Salute mentale – Dipendenze patologiche – Salute nelle carceri” e un esperto di “emergenza sanitaria territoriale”.

I gruppi di lavoro potranno avvalersi di specifiche professionalità in singole tematiche, ma entro 60 giorni dall’adozione dei provvedimenti (che recano la data del 13 luglio) dovranno provvedere alla trasmissione delle rispettive bozze di proposta di revisione/aggiornamento.

Gli obiettivi di mandato a Scaffidi

Nella stessa data del 13 luglio scorso il Commissario alla sanità con il Dca n°75 ha provveduto anche all’assegnazione degli obiettivi di mandato al Commissario Straordinario del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, Gianluigi Scaffidi.

Sette gli obiettivi che il Commissario del Gom dovrà provare a raggiungere: dal Piano di ricognizione del debito, con la costituzione di un gruppo di lavoro, l’estrazione del partitario aziendale con evidenza dell’allineamento con il saldo contabile, l’avvio della riconciliazione del partitario aziendale con le richieste delle partite creditorie dei fornitori. Il secondo obiettivo è incentrato sulla governance dei flussi informativi che devono essere completi e di qualità. Il terzo obiettivo riguarda il rispetto delle disposizioni regionali in merito al recupero delle prestazioni specialistiche non erogate nella fase di lockdown.

In linea di massima i primi tre obiettivi sono uguali per ogni Commissario di ciascuna delle aziende ospedaliere calabresi.

Scaffidi in particolare dovrà curarsi di implementare i volumi di attività degli interventi di carcinoma della mammella, e di migliorare nella tempestività dell’intervento nella frattura del collo di femore (entro 48 ore). Dovrà inoltre approvazione dei piani assunzionali e delle procedure di assunzione con trasmissione della proposta di Piano dei Fabbisogni e Piano delle assunzioni entro i termini e con le modalità fissate dalla Regione, alimentando il Sistema informativo sanitario regionale PdrHR1a – Personale – Rapporti giuridici ed economici. Ma non solo perché al Commissario è stato assegnato l’obiettivo anche di riorganizzare e potenziare il Pronto soccorso e, per quanto riguarda la farmaceutica, trasmettere il 100% dei dati e l’allineamento del flusso della tracciabilità con il dato della Distribuzione Diretta e del consumo ospedaliero e del flusso della distribuzione in nome e per conto con i dati della tessera sanitaria.

Gli obiettivi di mandato di Di Furia

Sono nove gli obiettivi di mandato per la Commissaria straordinaria dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, Lucia Di Furia. E se i primi tre obiettivi sono comuni con quelli del collega Scaffidi (piano di ricognizione del debito, governance dei flussi e recupero delle prestazioni specialistiche), Di Furia dovrà raggiungere la soglia delle 200 mila prestazioni di laboratorio, mettendo a regime, nell’ambito della prevenzione, l’anagrafe vaccinale informatizzata regionale, ed estendere gli inviti per gli screening alla popolazione almeno al 40% del target fissato per il 2022. Anche per l’Asp rimangono intatti gli obiettivi relativi ai piani assunzionali e alla riorganizzazione del pronto soccorso, a cui si aggiunge, in tema di edilizia sanitaria, il censimento e l’aggiornamento del corredo informativo sulla piattaforma NSIS delle grandi apparecchiature e del personale dei privati accreditati.

Il premio ai manager

In entrambi i casi ogni obiettivo, fissato nei singoli decreti dal Commissario ad acta, ha un valore espresso in punti e dopo la valutazione da parte dello stesso Commissario si potrà procedere alla remunerazione del compenso aggiuntivo dei vari commissari.

Secondo il dettato normativo, il 30% del compenso aggiuntivo è riservato al rispetto dell’obbligo di legge relativo ai tempi di pagamento, mentre il restante 70% «sarà corrisposto ai commissari straordinari che nella valutazione avranno raggiunto la soglia minima del 50% dei singoli obiettivi assegnati».

top