martedì,Ottobre 20 2020

Edilizia scolastica a Bagnara, il Tar dà ragione al Comune

La Regione aveva escluso dal finanziamento gli interventi previsti al plesso Morello

Edilizia scolastica a Bagnara, il Tar dà ragione al Comune

Con grande soddisfazione l’ Amministrazione Comunale comunica che il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) di Catanzaro, con ordinanza dell’8 ottobre 2020, ha accolto la domanda cautelare proposta dal Comune di Bagnara Calabra, difeso dall’avvocato Gaetano Callipo, ed ha sospeso il decreto 8 giugno 2020, n. 6161, con il quale il dirigente generale della Regione Calabria aveva escluso dal finanziamento gli interventi di edilizia scolastica da eseguirsi sull’edificio di proprietà comunale, ubicato in Corso Vittorio Emanuele II (scuola elementare plesso Morello).

Con il provvedimento cautelare, il TAR ha pertanto riconosciuto il diritto del Comune al finanziamento, con risorse regionali, degli interventi progettati, per un importo di circa cinque milioni di euro. Il Comune di Bagnara, che era stato ingiustamente escluso, potrà pertanto beneficiare del finanziamento regionale per i lavori di completa ristrutturazione dell’edificio scolastico di Corso Vittorio Emanuele II, che sarà restituito alla cittadinanza per l’effettivo esercizio dei diritti costituzionali all’istruzione scolastica in condizioni di sicurezza e di decoro.