sabato,Settembre 23 2023

Taurianova, è partita dal webinar organizzato da “Risorse” e MedFuture” la raccolta fondi per l’Usca

L’intento è quello di donare una sonda ecografica portatile. Confronto tra professionisti sanitari locali e società civile su diverse tematiche che hanno spaziato dalla campagna vaccinale alle conseguenze sociali dell’emergenza sanitaria

Taurianova, è partita dal webinar organizzato da “Risorse” e MedFuture” la raccolta fondi per l’Usca

Si è svolto domenica, il webinar di confronto tra professionisti sanitari locali e società civile, organizzato dalle associazioni “Risorse” e “MedFuture”, denominato “Doniamo un respiro”. Durante l’incontro on line, le associazioni hanno affrontato numerose tematiche, spaziando dalla campagna vaccinale alle conseguenze sociali dell’emergenza sanitaria. Il confronto è stata l’occasione per il lancio di un’iniziativa solidale di raccolta fondi, al fine di dotare l’Usca di Taurianova di una sonda ecografica portatile: uno strumento in più per aiutare i medici nella diagnosi e per alleviare più rapidamente le sofferenze degli affetti da Covid-19.

I lavori sono stati introdotti e moderati da Simone Marafioti, membro delle associazioni organizzatrici dell’evento, che ha invitato a parlare per primo Francesco Monteleone, presidente dell’associazione “MedFuture” e specializzando in Anestesia e Rianimazione. Questi ha offerto uno spaccato sulle differenze vissute in ambito lavorativo tra nord e sud, evidenziando una grave carenza di mezzi che i sanitari calabresi subiscono quotidianamente. Noemi Asciutto, presidente dell’associazione “Risorse”, ha invece dato risalto alle contraddizioni in essere e le forti disuguaglianze che la pandemia da Covid-19 ha esacerbato. Un intervento più tecnico, quello di Ettore Ventura, specializzando in Malattie dell’apparato cardiovascolare, il quale ha spiegato in modo semplice e chiaro le differenze di sviluppo ed efficacia dei vaccini oggi somministrati in Italia.

Nell’intervento è stato chiarito che il vaccino Astra Zeneca è efficace, e presenta minori effetti collaterali di altri vaccini oggi commercializzati. Salvatore Barresi, membro dell’associazione Risorse e studente di medicina, ha invece riassunto alcuni dati statistici allarmanti, evidenziando come, oltre alle conseguenze nefaste sull’economia ed il lavoro, la pandemia da Covid-19 abbia pesantemente inciso sulla salute psicologica di ogni cittadino. Gianluca Sellaro, specializzando in Anestesia e rianimazione, ha illustrato poi l’esperienza lavorativa all’Usca di Amantea, dove spesso si è trovato a visitare i malati Covid-19 senza i mezzi necessari.

Agli interventi introduttivi degli esponenti delle associazioni organizzatrici, hanno fatto seguito i contributi degli esperti del settore sanitario. Dapprima Eugenio Garofalo, docente di Anestesia e rianimazione all’Università “Magna Grecia” di Catanzaro, che ha rimarcato come sia variato lo scenario del suo reparto durante le diverse fasi dell’emergenza. Infatti, la popolazione oggi ricoverata è molto più giovane e sempre più frequente è l’assenza di altre patologie concomitanti. «Un’ecografia toraco-polmonare ben fatta a casa del paziente – ha spiegato – può avere un’efficacia pari ad una Tac nell’evidenziare il decorso della patologia polmonare da Covid-19, oltre ad avere significativi benefici, tra cui la velocità di esecuzione e l’assenza di radiazioni ionizzanti.

Successivamente, Giuseppe Panuccio, specializzando in Malattie dell’apparato cardiovascolare e dottorando di ricerca, ha sapientemente illustrato che determinate patologie – come il diabete, lo scompenso cardiaco o la cardiopatia ischemica – siano dei fattori che contribuiscono a peggiorare la prognosi dei pazienti affetti da Covid-19. Giovanni Calogero, ha invece raccontato la sua esperienza di responsabile dell’Usca e del Centro vaccinale di Taurianova, fornendo i dati dell’andamento della campagna vaccinale, ed offrendo uno spaccato delle più frequenti problematiche che si riscontrano nella gestione della pandemia da parte dei sanitari calabresi, tra cui un’assenza cronica di personale ed un carente turn-over.

Infine, Agostino Pantano, giornalista di LaCNews24, ha espresso alcune considerazioni sugli interventi precedenti, rimarcando con forza quanto sia importante il ruolo della classe giornalistica nell’evidenziare le problematiche riscontrate dai cittadini, collaborando dunque ad una migliore implementazione della campagna vaccinale. Il webinar si concluso ricordando che è ancora aperta la raccolta fondi, e che è possibile donare sulla piattaforma #GoFundMe: https://bit.ly/3uDqiuK o con bonifico bancario intestato a: Associazione politico culturale “Risorse” – Iban: IT78X0567617295PR0001428505.

top