martedì,Aprile 23 2024

Morte Nino Candido: «Pompieri a Quargnento uccisi da esplosione micidiale»

Le motivazioni della sentenza che ha visto i coniugi Vincenti condannati a trent’anni per la morte dei tre vigili del fuoco uccisi nella cascina in provincia di Alessandria

Morte Nino Candido: «Pompieri a Quargnento uccisi da esplosione micidiale»

Fu una micidiale esplosione a provocare la morte di Matteo Gastaldo, Marco Triches e il reggino Antonino Candido. Arrivano dopo tre mesi dalla decisione le motivazioni della sentenza che l’8 febbraio scorso ha visto i coniugi Vincenti essere condannati per omicidio volontario con dolo eventuale a trent’anni per la morte dei tre vigili del fuoco uccisi nella cascina di Quargnento (Alessandria) il 5 novembre 2019. Come riporta La Stampa, nelle motivazioni della sentenza si legge che i pompieri «morirono in conseguenza della micidiale esplosione alle ore 1,32: le altre risultanze dell’autopsia non sono in alcun modo rilevanti».

Irrilevanti gli altri esiti delle autopsie

Sulle illazioni che vedevano tracce di droga nei corpi dei tre vigili del fuoco uccisi dall’esplosione invece gli stessi giudici hanno chiarito che «gli esiti dell’autopsia non sono mai stati discussi nei processi» e che si tratta di un dato irrilevante per stabilire le responsabilità dei coniugi Vincenti.

top