venerdì,Luglio 19 2024

Palmi e Oppido, trattamento illecito di rifiuti: 5 persone denunciate

Nel corso di questi controlli sono stati fermati 2 autocarri i quali trasportavano, senza alcuna autorizzazione, materiale di rifiuto

Palmi e Oppido, trattamento illecito di rifiuti: 5 persone denunciate

Continuano i servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria attraverso le nove compagnie dislocate sul tutto il territorio provinciale. Pochi giorni fa, infatti, i Carabinieri della Compagnia di Palmi hanno svolto dei controlli del territorio finalizzati alla prevenzione e alla repressione dei reati in danno dell’ambiente e della salute pubblica.

In particolare i militari dell’Arma hanno svolto un monitoraggio delle zone extraurbane, quali agri e terreni di campagna, e della circolazione di mezzi agricoli e pesanti sulle arterie di collegamento tra la zona costiera di Palmi e la fascia aspromontana.

Nel corso di questi controlli sono stati fermati 2 autocarri i quali trasportavano, senza alcuna autorizzazione, materiale di rifiuto. In un caso è stato accertato che il tir trasportasse a cassone la carcassa di un’autovettura dismessa, probabilmente per ricavarne pezzi di ricambio o materiale ferroso. Il veicolo, fermato nei pressi della frazione di Castellace di Oppido Mamertina e diretto a Gioia Tauro, è stato sequestrato con il relativo carico, mentre i 3 uomini a bordo, tutti gioiesi, e il proprietario del mezzo, un 52enne deliese, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria.

Nel secondo caso è stato controllato un furgone che trasportava materiali edili di risulta senza alcuna documentazione. Oltre al sequestro del materiale e del veicolo, anche in questa circostanza, è stato denunciato un imprenditore edile alla guida del mezzo di Oppido Mamertina.

Tramite controlli congiunti del territorio, delle strade e delle zone extraurbane, i Carabinieri continuano a monitorare lo svolgimento di attività che possono comportare rischi per l’ambiente e per la salute pubblica, intervenendo ove necessario per tutelare questi fondamentali beni comuni.

Articoli correlati

top