venerdì,Maggio 24 2024

Operazione Imperium, nuovo giudizio per il 37enne Rocco Morabito

La Cassazione ha annullato l’ordinanza del Tribunale del riesame di Catanzaro nei confronti dell'uomo, imputato di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso

Operazione Imperium, nuovo giudizio per il 37enne Rocco Morabito

La quinta sezione penale della Corte di cassazione, in accoglimento del ricorso presentato dagli avvocati Giuseppe Alvaro e Luigi Luppino, entrambi del Foro di Palmi, ha disposto l’annullamento integrale dell’ordinanza impugnata, con rinvio al Tribunale della libertà di Catanzaro per un nuovo giudizio cautelare nei confronti di Rocco Morabito, 37 anni, di Sant’Eufemia d’Aspromonte. «A suo carico – spiegano i legali – era stata emessa il 27 luglio 2023 dal Gip della Dda presso il Tribunale di Catanzaro, un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, nel procedimento penale denominato “Imperium”, in relazione a un tentativo di estorsione commesso in concorso con altri due coimputati e aggravato dal metodo mafioso, ai danni di Ceravolo Ivano, imprenditore nel mercato ittico vibonese.

Secondo l’accusa Morabito, dopo aver consegnato a Ceravolo, nel marzo 2016, la somma di complessivi 40.000 euro – finalizzata a porre in essere degli investimenti nel settore ittico che, ove andati a buon fine, avrebbero fruttato circa 180.000 euro – non avendo ottenuto nei termini concordati la consegna della somma auspicata, avrebbe posto in essere una serie di minacce e di violenze, evocando la propria caratura criminale quale soggetto legato alla cosca Alvaro di Sinopoli-Sant’Eufemia d’Aspromonte, volte a costringere il Ceravolo a corrispondere la maggior somma di denaro di 180.000 euro e a consegnare, a garanzia del pagamento, un immobile riconducibile al padre della presunta persona offesa. Nella vicenda estorsiva sarebbero intervenuti altri soggetti ritenuti elementi apicali della c.d. locale di Zungri. In sede di riesame il Tribunale di Catanzaro, in parziale accoglimento dell’impugnazione, aveva concesso al Morabito gli arresti domiciliari, confermando tuttavia la sussistenza della gravità indiziaria». 

Nel giudizio di cassazione, gli avvocati Luigi Luppino e Giuseppe Alvaro hanno illustrato «numerose argomentazioni difensive finalizzate a escludere la natura estorsiva delle richieste avanzate dal Morabito nei confronti dell’imprenditore vibonese, e a contestare l’asserita vicinanza dell’imputato a qualsiasi consorteria mafiosa. I difensori, in particolare, hanno sostenuto la mancanza del dolo tipico del delitto estorsivo, evidenziando come il Morabito avrebbe agito con la coscienza e volontà di attuare un proprio diritto, ossia quello di ottenere la sola restituzione delle somme di denaro che aveva prestato al Ceravolo, senza alcuna ulteriore finalità. La Corte di cassazione, in accoglimento del ricorso, ha disposto  l’annullamento dell’ordinanza impugnata, con rinvio al Tribunale del riesame catanzarese per un nuovo giudizio».

top