martedì,Ottobre 19 2021

A Palmi “Kalòs kai agathòs project”: un viaggio tra archeologia, storia, arte e tradizione

Venerdì 17, il progetto-evento organizzato dal Centro studi interdisciplinari “Gaiola Onlus”, che si svolgerà all’interno del Parco archeologico dei Tauriani

A Palmi “Kalòs kai agathòs project”: un viaggio tra archeologia, storia, arte e tradizione

Si intitola “Kalòs kai agathòs project” il progetto-evento ideato da Maria Immacolata Dunia e Antonino Magazzù, organizzato dal Centro studi interdisciplinari “Gaiola Onlus”, in collaborazione con il Comune di Palmi e il movimento culturale “San Fantino”, che si terrà venerdì 17 a Palmi, nella cornice del Parco archeologico dei Tauriani. Un viaggio tra archeologia, storia, arte e tradizione, dove protagonisti sono il territorio e i suoi abitanti. Attraverso una serie di eventi, il progetto mira proprio alla valorizzazione il territorio, allo scopo di incrementare l’offerta turistica ponendosi come polo attrattivo.

Si spazierà quindi, dalla visita guidata al Parco archeologico dei Tauriani a cura di Francesco Cuteri e Domenico Bagalà, all’installazione di arte contemporanea “MarMythòs” del maestro Maurizio Carnevali; dalla personale “La seconda età del Caòs” dell’attrice Chiara Conti, curata da Maria Immacolata Dunia, all’itinerario espositivo “Il mito e la tradizione”, dedicato ai temi della mitologia classica, degli artisti Mimmo Tripodi e Tina Patamia a cura dell’associazione culturale e di promozione artistica “L’argilla e il vasaio”; dall’esposizione delle ceramiche di Seminara a cura di Monica De Marco, fino al “City visit… Molochio”, vetrina di promozione del patrimonio paesaggistico, culturale e gastronomico del centro preaspromontano da poco divenuto “Geo Parco dell’Unesco”, a cura di Antonino Magazzù e Giuseppe Luci.

In quest’ambito, sarà ospite la scrittrice e cantante Roberta Cullari, che reciterà le poesie tratte dal suo ultimo libro “Amurusanzi”, con l’accompagnamento della chitarra di Antonio Cosmano. L’evento farà da cornice alla presentazione della nuova sede calabrese del Csi “Gaiola Onlus”, che dal 2004 si occupa dello studio, della tutela e della valorizzazione del patrimonio naturalistico e storico-archeologico, in diverse regioni d’Italia, tra cui appunto la Calabria, attraverso attività e progetti di ricerca scientifica, sia in ambito biologico-naturalistico che geo-archeologico.

Nel 2019, su idea di Maria Immacolata Dunia, referente per la Calabria, Gaiola Onlus è sbarcata anche nella nostra regione e proprio quest’anno è stato firmato il patto di collaborazione con il comune di Palmi, grazie al quale verrà studiata e valorizzata, sempre con l’obiettivo ultimo della tutela e conservazione ambientale, un’area costiera dove vive una popolazione di camaleonti mediterranei (Chamaeleo chamaeleon) in collaborazione con l’Università della Calabria. E così, venerdì 17, con il progetto “Kalòs kai agathòs”, il Centro studi interdisciplinari avvierà ufficialmente le sue attività.

top