mercoledì,Giugno 19 2024

Taurianova, il consorzio Macramè conclude il tour per il lavoro agli stranieri

L’iniziativa, prevista nel piano P.I.U Supreme, è stata illustrata nel corso di un incontro svoltosi nel Polo sociale integrato, dal presidente Giuseppe Carrozza

Taurianova, il consorzio Macramè conclude il tour per il lavoro agli stranieri

Non solo diritto all’abitare e ad avere trasporti giusti, per gli stranieri che vivono nella Piana di Gioia Tauro è il lavoro la svolta giusta. E‘ questa la filosofia che ha animato il Work Day del consorzio Macramè arrivato a Taurianova, tappa conclusiva di un progetto che punta a far incontrare domanda e offerta di lavoro per i cittadini stranieri.

L’iniziativa, prevista nel piano P.I.U Supreme, è stata illustrata nel corso di un incontro svoltosi nel Polo sociale integrato, dal presidente Giuseppe Carrozza e dalla coordinatrice del progetto, Noemi Asciutto. I contatti organizzati dal consorzio sono stati estesi ai Comuni che afferiscono all’Ambito territoriale sociale 3, di cui Taurianova è capofila, attraverso degli incontri simili a questo tenuti a Cittanova, Molochio e Oppido Mamertina. Secondo il report su cui ha relazionato Asciutto, sono state 5 le donne di nazionalità marocchina e 2 i braccianti del Gambia che hanno trovato lavoro nell’Op Piana Agri, mentre Carrozza – alla presenza del sindaco Roy Biasi e degli assessori Angela Crea e Maria Fedele –  ha sottolineato come il sostegno al lavoro offerto, sia stato inserito in un pacchetto organico di servizi offerti all’interno del Polo sociale integrato. 

«Si è trattato – ha detto Carrozza – di un plafond di diritti molto corposo, da quello all’abitare, tramite l’Agenzia apposita creata, alla mediazione linguistica, alla formazione e alla sanità. Servizi che hanno reso ottimale la struttura in cui gli accessi dei cittadini crescono a vista d’occhio». Il Polo taurianovese, finanziato con i fondi europei, è uno dei tre costituiti in Calabria nell’ambito di Supreme – con Corigliano e Cassano – ed è stato segnalato come ottimale nel recente incontro tenutosi a Bari, alla presenza dei delegati delle 6 regioni del Sud destinatarie degli interventi.       

Articoli correlati

top