Finanziamento per la Archi-Ortì, Laganà (Pd) plaude e rilancia

Il segretario del locale circolo dei democrat soddisfatto: «Intervento mirato ad arginare lo spopolamento dalle zone collinari»
Il segretario del locale circolo dei democrat soddisfatto: «Intervento mirato ad arginare lo spopolamento dalle zone collinari»

«Ottimo lavoro da parte della città Metropolitana di Reggio Calabria che su impulso dei consiglieri Filippo Bova ed Antonino Castorina con variazione di bilancio stanziano 140.000 euro finalizzati a tre interventi in materia di viabilità e necessari per il collegamento interno all’area metropolitana di Reggio Calabria, ovvero sia la progettazione della strada Archi-Ortì, la progettazione del collegamento tra Pellaro e Motta San Giovanni e lo studio di fattibilità relativo allo svincolo autostradale di Sant’Eufemia d’Aspromonte». Queste le dichiarazioni di Francesco Laganà, segretario del Pd di Archi e componente del coordinamento regionale di Anci Giovani.

L’intervento approvato, frutto di vari incontri condivisi con il territorio relativamente alla Archi-Ortì, andrà a potenziare i collegamenti con il Monastero della Visitazione e con Montechiarello, abbreviando il percorso verso la stazione sciistica di Gambarie d’Aspromonte da aree della zona Nord di Reggio Calabria come Pentimele, contrada Armacà, Archi e vicevera afferma Laganà.

«In questo modo – conclude l’esponente democrat – si andrà ad arginare lo spopolamento dalle zone collinari di Ortì consentendo un collegamento fluido e rapido con la zona nord della città. E’ evidente -incalza Francesco Laganà – che questo impegno deve proseguire potenziando gli interventi di pulizia del quartiere di Archi e portando a termine l’apertura della palestra comunale che consentirebbe di avere nel nostro quartiere un polo sportivo all’avanguardia con il Palapentimele, il campo di calcio con le somme stanziate nella zona dell’ex Fiera. La crescita e lo sviluppo di Archi – dichiara Laganà – passa da scelte precise dell’amministrazione Falcomatà ma anche e soprattutto dalla collaborazione di noi cittadini e dalla partecipazione e condivisione della linea politica da seguire».