domenica,Ottobre 25 2020

«Intitolare la Cittadella a Jole Santelli». Anche il Consiglio di Marina di Gioiosa Ionica dice “sì”

La proposta della capogruppo di maggioranza, Valentina Femia, accolta subito dai componenti del civico consesso. «Idea che va al di là degli schieramenti»

«Intitolare la Cittadella a Jole Santelli». Anche il Consiglio di Marina di Gioiosa Ionica dice “sì”

“Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente.”

«Fermamente convinta del valore di questa citazione – dichiara la consigliera comunale di Marina di Gioiosa Ionica, Valentina Femia – ho proposto ai miei colleghi di consiglio di condividere la richiesta di intitolare la cittadella  regionale al presidente Jole Santelli, una donna coraggiosa e schietta, verace e pasionaria, innamorata della propria terra e devo dire che è stata accolta prontamente e favorevolmente.

«Dopo aver abbrunato le bandiere ed essere stati presenti per darle l’ultimo addio, sentiamo la necessità di dedicarle un gesto di affetto che va al di là del colore politico ed è per questo che a lei – dichiara il capogruppo di maggioranza Valentina Femia – va riconosciuto il coraggio di aver lottato come una leonessa per questa terra. Mi sono emozionata – continua Femia – nel leggere tanto affetto da parte di amministratori e politici di colore diverso e crediamo che la proposta, arrivata  da più fronti di uomini e donne, quali l’amica Federica Roccisano e l’avvocato Giovanna Cusumano, politicamente agli antipodi, ma che hanno, come noi,  subito sentito la necessità di sostenere quest’iniziativa di intitolazione della sede della Regione Calabria a Jole Santelli  poiché riteniamo in modo unanime e convinto che questa sia la giusta maniera per ricordarla e per riflettere su ciò che è la politica, quella vera e cioè  l’arte nobile, quella che va al di là degli schieramenti politici, ma guarda al bene comune e che vede al centro l’uomo, i suoi diritti e la sua dignità».