domenica,Giugno 20 2021

Caso Murales, richiesta di atti extra giudiziaria con diffida. Ripepi: «Poi andremo in Procura»

Niente determina dagli uffici della segretaria generale, la quale ha specificato che dovrà richiederli all’ufficio di competenza e che dunque al momento non era in grado di conoscerne l’esistenza

Caso Murales, richiesta di atti extra giudiziaria con diffida. Ripepi: «Poi andremo in Procura»

«Faremo una richiesta di atti extra giudiziaria, con diffida entro 5 giorni, in mancanza di risposte ci rivolgeremo alla Procura». E di questa diffida Massimo Ripepi, presidente della Commissione controllo e vigilanza è il primo firmatario.

La determina sui murales del 25 aprile non è venuta fuori nemmeno dagli uffici della segretaria generale, la quale ha specificato che dovrà richiederli all’ufficio di competenza e che dunque al momento non era in grado di conoscerne l’esistenza.

Il gruppo di consigliere dell’opposizione ha formalizzato una richiesta e in mancanza del deposito si farà una denuncia in procura. Come vi avevamo raccontato stamattina, alla fine della seduta programmata del commissione controllo e vigilanza, in cui sono risultati assenti senza giustificazione il dirigente del settore Beatino e l’assessore Giovanni Muraca, Ripepi aveva annunciato di voler chiedere nuovamente dell’atto alla segreteria generale. Veramente lo stesso presidente avrebbe voluto rivolgersi immediatamente alla procura ma, su suggerimento di Antonino Minicuci, si è cercato di percorrere, per trovare risposte risposte, ancora per un ultima volta, la via amministrativa,

Una commissione travagliata, caratterizzata dall’assenza dei due soggetti che erano tenuti a fornire le risposte sull’atto amministrativo, e dalla presenza di pochi componenti della maggioranza. Tant’è che a fine seduta online erano rimasti solo Antonino Zimbalatti e Angela Martino.

Il conto alla rovescia è iniziato. Vediamo cosa succederà e se la determina salterà fuori. Ma Ripepi è drastico «Si prefigura un altro caso Miramare».

top