lunedì,Luglio 4 2022

Villa San Giovanni, Aragona si sospende da FdI: «Troppi personalismi e arrivisti»

Il politico villese punta l’indice contro la coalizione di centrodestra «priva di programmi, di progetti e di una guida oculata e lungimirante»

Villa San Giovanni, Aragona si sospende da FdI: «Troppi personalismi e arrivisti»

«Dopo una serie di riflessioni combattute e personali, sono giunto, con amarezza, ma convinto, alla decisione di comunicare la mia autosospensione dal partito Fratelli d’Italia, partito di cui mi pregio di averne fatto parte per ben 21 anni consecutivi».

Così il villese Sandro Aragona, comunica la «sofferta decisione» nasce da motivazioni ben precise, ma, assicura, non figlie dell’ultimo risultato elettorale alle amministrative del Comune di Villa San Giovanni, dalle quali «ne sono uscito sconfitto, ma ancor più motivato e determinato a continuare a dare il mio contributo alla mia città, mettendo a totale disposizione la mia piena collaborazione, tanto alla minoranza quanto alla maggioranza, per quelle che possono essere le mie esperienze e competenze in merito».

Insomma, Aragona continuerà a fare politica, anche dal di fuori, in modo propositivo come anche in modo critico, «in modo inclusivo e mai divisivo, lo farò da indipendente, da persona che ha avuto occasione e modo di conoscere cosa significhi appartenere ad una struttura politica, organizzata, comunicativa, una struttura politica che rispetta i ruoli, che gioca di squadra, che ti rende partecipe e protagonista al tempo stesso, che ti considera, che ti coinvolge che pretende il parere di tutti prima di prendere qualsiasi decisione e/o iniziativa, in una sola parola “condivisione”…questa e’ la realtà di centrodestra che ho vissuto e a cui ho partecipato in prima persona sin dall’inizio degli anni duemila, quel centrodestra che ho sempre voluto appoggiare senza se e senza ma».

La critica neanche sottile di Aragona – protagonista l’ultima settimana di campagna elettorale di un curioso caso di ritiro e smentita della candidatura – si riferisce a vari episodi e fatti, in cui lo stesso dice di essere rimasto in sordina ad osservare e ad ascoltare: «ne ho tratto solo la consapevolezza di assistere ad una realtà confusionaria, priva di programmi, priva di progetti e priva di una guida oculata e lungimirante, ma carica di personalismi ed atteggiamenti arrivisti sterili e fini a se stessi, in poche parole “un partito localmente assente”, non e’ un caso che Fratelli d’Italia, in netta crescita in tutta Italia, regredisca e perda pezzi e terreno solo in Provincia di Reggio Calabria».

Dopo i ringraziamenti di rito al Partito ed alle sue rappresentanze locali, Aragona spera che «riescano a raddrizzare la barra del timone, personalmente, da uomo di mare, ho sempre salvaguardato il mio equipaggio portandolo verso un porto sicuro e mai alla deriva verso un naufragio certo».

top