sabato,Novembre 27 2021

Ospedale di Locri, anche Pediatria in affanno. L’allarme del primario

In corsia soltanto quattro medici. Musolino: «I concorsi vengono bandidi, ma il personale non viene»

Solo 4 medici e ricoveri a rischio. All’ospedale di Locri la carenza di personale ha colpito anche il reparto di Pediatria, guidato dal primario Antonio Musolino. L’organico della struttura è costituito soltanto da quattro dirigenti medici, dei quali uno usufruisce della legge 104 e ha chiesto l’esenzione dai turni notturni. A fronte di una dotazione prevista di 6 unità, l’attuale condizione, che si protrae ormai da mesi, costringe il primario e il suo team, animati da spirito di servizio e di responsabilità, a giornate di lavoro “monstre”, con lo spettro del blocco dei ricoveri dei piccoli pazienti dietro l’angolo. Eppure lo scorso anno era stato bandito un concorso per assumere personale, ma non è stato ancora espletato. I medici del reparto locrese hanno evidenziato il problema ai vertici dell’Asp, ma al momento da Reggio non è arrivata alcuna risposta.

«I concorsi vengono banditi ma poi il personale non viene – ha affermato il primario – Recentemente è stato bandito un altro concorso, ma su 5 pediatri tutti hanno rifiutato l’incarico. In un altro concorso hanno accettato solo 2 persone su 10 e sono state inviate a Polistena. Come vede i tentativi si fanno e ringrazio i vertici aziendali per l’aiuto che mi stanno dando. Tuttavia – ha chiosato Musolino – se però poi le persone non vengono il problema non si risolve, e sicuramente non per causa nostra».

Articoli correlati

top