sabato,Luglio 13 2024

Lotta ai tumori a Reggio Calabria, Scaffidi: «Si dimezzano le liste d’attesta per le cure con il nuovo acceleratore lineare»

Al Gom l'arrivo di un nuovo macchinario di ultima generazione consentirà di offrire una un'assistenza sempre più efficiente e puntuale

Lotta ai tumori a Reggio Calabria, Scaffidi: «Si dimezzano le liste d’attesta per le cure con il nuovo acceleratore lineare»

La lotta ai tumori parte dalla velocità d’intervento. E al Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria arriva un ok che diventa fondamentale. La Consip ha approvato la richiesta che permetterà di accelerare l’iter per l’acquisto del nuovo acceleratore lineare.

A confermarlo al Reggino.it è il commissario straordinario Gianluigi Scaffidi che, cercando di superare i limiti dettati dalla burocrazia, ha ottenuto un’importante conferma. «Ad aprile la ditta ci ha confermato che il vecchio macchinario doveva essere dismesso. Da li è partita una lunga trafila. Ma la cura dei tumori non è derogabile. Non possiamo dire ai nostri pazienti che il macchinario è rotto e rimandarli. Per questo abbiamo lavorato affinché si azzerassero i tempi di attesa. In pochi giorni abbiamo ottenuto quello che ci vorranno ancora mesi per avere».

Revocata, dunque, la gara e prevedendo il dilungarsi a dismisura dei tempi di acquisizione dell’acceleratore lineare, il Gom, ha ottenuto l’ok su Consip. Tutto dopo aver chiesto alla Struttura commissariale di valutare la possibilità di acquisirla dichiarandosi pronto anche a finanziare alcuni costi di adeguamento strutturale con il proprio bilancio aziendale.

Dopo un iter travagliato, i pazienti oncologici reggini, avranno un secondo acceleratore lineare ultra moderno che consentirà di dare risposte puntuali. Azzerando le liste d’attesa sarà anche possibile tornare a numeri importanti di interventi.

Articoli correlati

top