lunedì,Gennaio 24 2022

Raid alla Fondazione Falcomatà, Arcidiaco: «Metodo o stupida follia?»

Il racconto dell'editore reggino e membro del Cda: «Non ci avete fatto niente. Andremo avanti più forti di prima»

«Con la matita rossa e blu hanno attizzato il fuoco. Davanti alla porta aperta chiaramente forzata, mi sono fermato sulla soglia per aspettare la polizia, ho sbirciato dentro ed è stato un tuffo al cuore». Inizia così il racconto di Franco Arcidiaco, editore reggino e membro del Cda della Fondazione Falcomatà, presa di mira ieri da ignoti vandali.

«Appena arrivati gli agenti – scrive – ho chiesto di poter salire al piano di sopra, mi sono precipitato nella stanza dove è ricostruito lo studio di Italo. Avevo un presentimento. Sul tavolo affianco alla macchina da scrivere ho cercato la matita rossa e blu e non era al suo posto, addirittura alla povera Olivetti hanno divelto e accartocciato i martelletti dei caratteri, gli occhiali sono volati in un angolo, la borsa di cuoio capovolta, le bretelle rosse e la cravatta ridotte a uno straccio, i cassetti sul pavimento, le carte sparse a terra. I libri non li hanno toccati, sono rimasti, come per incanto, immobili sugli scaffali, la cornice di un quadro appesa e la foto scomparsa. Metodo o stupida follia?».


«Mi sono riavvicinato alla scrivania e sul ripiano ho visto miracolosamente illeso il cartoncino quotidiano di Italo. Italo, tutti i santi giorni, appena alzato prendeva un cartoncino 12×17 lo intestava “Il mestiere di sindaco”, segnava la data del giorno e poi annotava con la matita rossa e blu (in base all’importanza) gli impegni che lo attendevano. Ho cercato ancora concitatamente la matita ma non c’era traccia, sono andato in segreteria, dove un agente stava esaminando lo sfacelo di una coltre di foto e documenti bruciacchiati e sparsi sul pavimento; la scientifica mi ha detto che non dovevo toccar nulla ma in un angolo ho scorto un legnetto rosso bruciacchiato ai lati, quel che era rimasto della matita rossa e blu. Non ci avete fatto niente maledetti – conclude Arcidiaco – andremo avanti più forti e determinati di prima. Quel che conta è l’esempio, notoriamente costituito da materiale ignifugo».

Articoli correlati

top