domenica,Gennaio 24 2021

«Non sono provate le apparizioni». La diocesi di Locri vieta la divulgazione di messaggi sulla Madonna

La disposizione inviata ai confratelli circa alcuni messaggi privati contenenti un invito a non vaccinarsi contro il Covid

«Non sono provate le apparizioni». La diocesi di Locri vieta la divulgazione di messaggi sulla Madonna

Vietato divulgare messaggi legati a presunte apparizioni della Madonna. A disporlo è il vicario generale della diocesi di Locri-Gerace guidata da monsignor Francesco Oliva che in una circolare inviata a parrocchie e confratelli invita a prendere le distanze su casi di pseudo-misticismo di asserite apparizioni, di visioni e messaggi attribuiti a origine soprannaturale di tale Elio Walter Barillaro e del suo centro spirituale e biblico “Madonna della Conversione” di Gioiosa Jonica.

«Avendo letto con attenzione diversi suoi messaggi che si riferiscono ad alcune presunte apparizioni, di cui non si consta nessuna approvazione ecclesiasticané alcuna soprannaturalità delle stesse – si legge nella missiva del vicario generale diocesano – Pietro Romeo – rimaniamo basiti e amareggiati alla letture di alcune conversazioni private, tra queste in particolare quella del 25 dicembre 2020 dove si asserisce che la Madonna avrebbe detto che il vaccino anti-Covid è controproducente».

«Pertanto – conclude la lettera – è fatto divieto alle parrocchie, santuari, conventi, oratori, case di comunità religiose della diocesi, come ai vari siti web o gruppi Whatsapp di divulgare in futuro pubblicamente tali messaggi sotto qualsiasi forma».