domenica,Febbraio 5 2023

Discarica Melicuccà, il Tar blocca i conferimenti di rifiuti

Accolto il ricorso del Comune di Palmi. Stop all’impianto in attesa delle verifiche sull’inquinamento della sorgente Vina

Discarica Melicuccà, il Tar blocca i conferimenti di rifiuti

Stop, almeno per il momento, al conferimento nella discarica di Melicuccà. A stabilirlo è stato il Tar di Reggio Calabria accogliendo il ricorso cautelare presentato dal Comune di Palmi lo scorso 13 settembre. A nulla quindi, è valsa la presa di posizione della Città metropolitana che nei giorni scorsi aveva approvato i risultati del Piano di caratterizzazione del sito in località La Zingara e dato esito favorevole alla Conferenza dei servizi, non tenendo in considerazione i pareri negativi espressi dai comuni di Palmi, in primis, e di Bagnara Calabra.

L’ordinanza del Tar

Il Tribunale amministrativo ha così accolto il ricorso presentato dal Comune di Palmi, ritenendo necessario «approfondire nella più idonea sede di merito i molteplici profili di illegittimità dedotti dalla parte ricorrente dell’ordinanza del sindaco facente funzioni della Città metropolitana di Reggio Calabria e degli altri provvedimenti impugnati», ritenendo che «non sembrano del tutto prive di fondatezza le censure con cui la ricorrente denunzia che il sito di Melicuccà sarebbe privo almeno di alcuni dei requisiti che devono possedere i siti di discarica».

Il Tar dunque, prendendo atto «di quanto dichiarato dal procuratore della Città metropolitana di Reggio Calabria nel corso dell’udienza camerale, in ordine alla sostanziale cessazione dello stoccaggio presso il sito citato in seguito al reperimento di nuovi siti ove effettuare i conferimenti e considerato che la documentazione versata in atti non esclude che le acque sotterranee in prossimità dell’area di discarica possano indirettamente interferire con quelle che presumibilmente alimentano la sorgente del torrente Vina, ha ritenuto che nel delicato contemperamento dei confliggenti interessi delle parti, in questa fase appare prevalente l’esigenza di tutelare la salute pubblica dal rischio di inquinamento di falde acquifere utilizzate per soddisfare le esigenze della collettività». Pertanto, ha accolto la domanda cautelare e «per l’effetto sospende l’efficacia dell’ordinanza del sindaco facente funzioni della Città metropolitana di Reggio Calabria, del 27 luglio 2022», fissando l’udienza per la trattazione di merito del ricorso al 19 aprile 2023.

Soddisfatta l’amministrazione comunale di Palmi

«Il Tar di Reggio Calabria ha accolto il nostro ricorso cautelare e bloccato i conferimenti alla discarica di Melicuccá – ha annunciato attraverso un post pubblicato sulla pagina Facebook dell’Ente, l’amministrazione comunale di Palmi -. Nonostante nei giorni scorsi lo stoccaggio si fosse sostanzialmente fermato, il Tar ha comunque espressamente riconosciuto l’esigenza di tutelare la salute pubblica dal rischio di inquinamento della sorgente Vina. Si pensi adesso alla bonifica e a un nuovo sistema per la gestione dei rifiuti nell’intera regione. No alla discarica».

top