martedì,Aprile 16 2024

Reggio, Confcommercio aderisce la progetto #StopViolenza

Iniziativa promossa dall’associazione Cult3.0, nell’ambito della piattaforma “Farmacia per il sociale”

Reggio, Confcommercio aderisce la progetto #StopViolenza

Confcommercio aderisce al progetto #StopViolenza promosso dall’associazione Cult3.0, nell’ambito della piattaforma “Farmacia per il sociale”, di cui fanno parte oltre 40 associazioni operanti sul territorio italiano e della Città metropolitana.

A sancire questa nuova alleanza per la promozione sociale e la diffusione di buone prassi, la sottoscrizione di un Protocollo d’Intesa tra Confcommercio, Associazione Cult3.0 e Gruppo FarmaC’è.

A firmare il documento che determina una collaborazione fattiva per la divulgazione della campagna #StopViolenza, di cui è testimonial la coraggiosa Maria Antonietta Rositani, il presidente di Confcommercio, Lorenzo Labate, la portavoce dell’associazione Cult3.0, Emilia Condarelli e il manager del Gruppo FarmaC’è, Domenico Berti.

«Con la sottoscrizione di quest’importante documento –ha dichiarato il presidente Labate – confermiamo l’impegno delle imprese di Confcommercio nel sociale e in questo momento storico nella prevenzione di tutte le forme di violenza e non soltanto di quella di genere che in questo ultimo periodo ha fatto registrare un pericoloso picco della casistica. Condiviamo la filosofia di questo progetto che fa della prevenzione alla violenza una questione sociale e di collaborazione fra i generi, piuttosto che di contrapposizione». Quindi, il presidente di Confcommercio, annunciando l’avvio delle iniziative previsto per il prossimo 4 marzo proprio nella sede dell’associazione di categoria, ha inteso ringraziare l’ideatrice del progetto, la giornalista Emilia Condarelli, e l’Ad del gruppo FarmaC’è, Domenico Berti, per aver stimolato la nascita di questa rilevante piattaforma sociale e culturale.

«È una grande soddisfazione l’autorevole adesione di Confcommercio al progetto #StopViolenza e Farmacia per il sociale» ha affermato Emilia Condarelli sottolineando che: «Si tratta di una rete operosa, cresciuta negli anni aggregando numerose associazioni che operano per la costruzione del benessere sociale, non soltanto in riva allo Stretto, ma in tutt’Italia. L’ingresso di Confcommercio ci consente la realizzazione di nuovi percorsi, ma soprattutto di aprire un nuovo canale, attraverso aziende e commercianti, fondamentale alla divulgazione della cultura della non violenza».

Soddisfazione per la sottoscrizione del protocollo d’intesa è stata espressa anche da Domenico Berti che, ha dichiarato: «Portiamo avanti sempre con maggiore orgoglio i progetti “Farmacia per il sociale” e #stopViolenza nell’ottica di costituire una rete sempre più solida, che operi quotidianamente per contrastare il grave fenomeno della violenza e diffondere cultura e buone pratiche che migliorino la qualità della vita delle persone. Ringraziamo, quindi, il presidente Lorenzo Labate, il direttore Fabio Giubilo e tutta Confcommercio per la grande opportunità che ci sta offrendo in questa direzione».

Articoli correlati

top