mercoledì,Giugno 19 2024

Covid, riparte lo screening di massa a Reggio Calabria grazie alla Croce Rossa

La stazione centrale rientra nelle 12 sedi italiane che beneficiano di un finanziamento della comunità europea di oltre 35milioni di euro a favore della CRI che proietta la provincia reggina in Europa

Covid, riparte lo screening di massa a Reggio Calabria grazie alla Croce Rossa

Si era fermato tutto dopo l’approfondimento della task force reggina anti covid che aveva fatto emergere l’inattendibilità dei tamponi rapidi a marchio Bio credit. Da quel momento, era fine gennaio, lo screening sulla popolazione reggina per prevenire il diffondersi del coronavirus, si era arrestato. Chiusi i drive in l’unica possibilità per i reggini di effettuare tamponi rapidi era quella di rivolgersi al privato. Ma con l’avvento del green pass, le riaperture e la possibilità di viaggiare, si è reso sempre più necessario dara alla popolazione una risposta. A questo ci ha pensato la Croce Rossa Italiana di Reggio Calabria che con la sua presidente Daniela Dattola e il lavoro instancabile e gratuito dei volontari, ha messo in piedi l’unico centro dove effettuare gratuitamente tamponi rapidi.

L’iniziativa è stata res possibile grazie al finanziamento della Commissione Europea che consente a pieno regime di effettuare fino a 3mila test antigenici al giorno su tutto il territorio nazionale. La sede nella stazione centrale di Reggio rientra tra le 12 italiane finanziate dall’Europa e il servizio è aperto a tutti ma «tenendo fede alla mission di Croce Rossa – conferma la presidente Dattolo – soprattutto ai più bisognosi. Tutti possono venire, anche i senza tetto o turisti. Abbiamo previsto un percorso per isolare eventuali positivi e, in caso dei senzatetto grazie a una collaborazione con la Caritas li assisteremo e con un nostro mezzo li porteremo in una sede dove la Caritas ha individuato per loro un posto letto mentre per i viaggiatori è stato individuato il covid hotel di Bagnara».

Grazie alla Croce Rossa e all’importante finanziamento europeo i tamponi utilizzati mostrano una attendibilità del 98% e i numeri raccolti in questi primi giorni di apertura fanno ben sperare. Tutto il percorso è stabilito in modo tale da evitare assembramenti e la tecnologia permette di rendere tutto fluido e veloce.

top