sabato,Ottobre 31 2020

Reggio Calabria, scuola: al liceo Campanella c’è la didattica digitale integrata

Nell'istituto, ad eccezione delle prime: metà classi seguiranno le lezioni in presenza, l'altra metà da casa, lavorando contemporaneamente nel pieno rispetto dell'ora di lezione, con pausa di disconnessione

Reggio Calabria, scuola: al liceo Campanella c’è la didattica digitale integrata

Tornano in classe le tante scuole reggine di ogni ordine e grado. Anche il liceo classico “Tommaso Campanella” ha riaperto, dopo 7 mesi, le sue porte per accogliere a braccia aperte gli studenti, o meglio, una parte di essi, dando priorità ai più giovani. Priorità agli studenti delle prime classi che da oggi cominciano le superiori e fondamentale sarà per loro la didattica in presenza, la conoscenza dei docenti e della scuola.

Come chiarisce la dirigente scolastica, Maria Rosaria Rao: «Ci ha pervaso in questi giorni un grande senso di responsabilità, ed io, in prima persona, ho sentito il dovere di porre in essere le misure per salvaguardare la salute di tutti: dell’utenza, dei docenti, del personale Ata, naturalmente questo si ripercuote sulle famiglie».

Sì perchè accanto agli studenti anche insegnati e personale Ata oggi si è dovuto confrontare con un primo giorno di scuola che nessuno, mai lontanamente, avrebbe potuto immaginare.

«Al di là della particolarità di questo giorno, diverso dagli altri inizi di anno scolastico – chiosa la dirigente –  le procedure sono state attentamente rispettate dal nostro personale, i ragazzi stanno facendo lezione regolarmente nelle classi assegnate. Ringrazio i professori, il personale e ai ragazzi per come stanno seguendo le procedure poste in essere per l’emergenza covid».

E sulle modalità «Abbiamo fatto le integrazioni al regolamento, avendo recepito tutti i dpcm relativi alla scuola, il collegio docenti ha deliberato una didattica digitale integrata: ad eccezione delle prime: metà classi seguono da casa, metà in presenza e lavorano contemporaneamente nel pieno rispetto dell’ora di lezione, con pausa di disconnessione».

Lucrezia Laganà, docente aggiunge : «Si torna in presenza per le prime classi per consentire di instaurare una relazione con i ragazzi che altrimenti non avremmo conosciuto, le altre classi invece sono metà in presenza e gli altri a casa collegati sulla piattaforma dell’istituto».