venerdì,Ottobre 30 2020

Italia Viva trova il terzo. Si tratta di Brunetti. Mileto si accomoda in panchina

Esaudito il volere dei big calabresi che volevano la creazione di un gruppo a palazzo San Giorgio. Ruvolo e Milana proveranno a costruire di nuovo una lista socialista. Ma la collocazione futura è un'incognita con i consensi scesi al 3%

Italia Viva trova il terzo. Si tratta di Brunetti. Mileto si accomoda in panchina

Italia Viva si fa in tre. Sia a palazzo San Giorgio che nella percentuale dei consensi. Dopo mesi di estenuanti trattative il partito di Matteo Renzi riesce a trovare il terzo consigliere da aggiungere a Giovanni Latella e Tonino Nocera che già da tempo avevano aderito alla forza politica.

Dopo aver corteggiato Antonino Mileto che Antonio Ruvolo, il primo a dire sì per fare in modo che il gruppo si costituisca è Paolo Brunetti, proveniente dalle fila di “A testa alta” di Peppe Bova.

Il risultato per Ernesto Magorno e compagnia è raggiunto, dunque, sarà palazzo San Giorgio a ad avere il primo gruppo consiliare renziano in Calabria. Rimane in bilico la posizione di Tonino Mileto sulle cui intenzioni si era richiesta una verifica in occasione dell’ultimo vertice di maggioranza. Mileto, secondo quanto sostenuto dal presidente del Consiglio Demetrio Delfino, avrebbe assicurato sulla sua fedeltà alla maggioranza. Anche se i contatti con altre forze politiche, Italia Viva e Udc, sono praticamente continui.

Antonio Ruvolo, invece, rimane fedele alle posizioni Socialiste, seppure a livello nazionale il partito è praticamente assorbito nei gruppi renziani in Parlamento per volontà del segretario Riccardo Nencini. Il futuro è ancora incerto e, ovviamente, dipenderà dalle indicazioni a livello nazionale. Per il momento Ruvolo preferirebbe però creare una lista autonoma socialista per ripetere quanto avvenuto alle ultime comunali.

La vera incognita, tuttavia, rimane quella relativa al collocamento di Italia Viva nello scacchiere politico nazionale. I sondaggi danno Renzi in caduta libera, intorno al 3% come si diceva all’inizio, e servirà dare una scossa per non scomparire.Le capriole di Renzi sono state bloccate dall’emergenza Coronavirus, ma l’intenzione di dare una spallata al governo Conte era qualcosa di più che un pensiero. Non appena le dinamiche politiche riprenderanno la normalità non è escluso che Renzi possa sorprendere ancora. Le aperture a Forza Italia sono state ripetute nei mesi scorsi e anche in Calabria Ernesto Magorno si è più volte detto aperto a tutte le forze che si ritroveranno in un programma comune. Una ipotesi di questo genere potrebbe creare non poco imbarazzo nel nascente gruppo in Consiglio comunale che, al momento, lavora per fare una lista a sostegno del sindaco uscente.