giovedì,Ottobre 29 2020

Elezioni comunali a Reggio Calabria, Falcomatà: «Da Pazzano scelta di buon senso»

Il messaggio del candidato a sindaco: «Le sue tesi da condividere sia nella forma che nella sostanza»

Elezioni comunali a Reggio Calabria, Falcomatà: «Da Pazzano scelta di buon senso»

«Apprezzo e accolgo con sincero piacere l’annunciato sostegno di Saverio Pazzano e del suo movimento alla coalizione di centrosinistra. Credo sia un percorso comune e naturale per forze riformiste, progressiste e antifasciste come le nostre». Ad affermarlo in una nota il candidato a sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà.

«Nel rispetto d’ogni posizione e punto di vista, sono convinto si faccia tutti parte di una stessa, grande, famiglia cresciuta nell’esempio dei padri costituenti e di chi fa dell’uguaglianza, della libertà e della tutela dei più deboli fulcro della propria azione politica e sociale. Anche per questo, le tesi poste da Pazzano sono da condividere ampiamente sia nella forma, sia nella sostanza e andranno certamente approfondite insieme nei giorni a venire».

«Adesso, l’impegno deve essere interamente proiettato a tutelare e proteggere la città dalla deriva populista nella quale vorrebbero catapultarla la Lega Nord e quanti, riemersi dalle ceneri di un passato triste e drammatico, puntano a farla ripiombare nei tempi bui censurati dallo scioglimento per infiltrazione mafiosa. Un passo indietro che i reggini non possono permettersi. Al netto delle difficoltà della nostra amministrazione, ogni stimolo a far di più e meglio risulta fondamentale per ricordare i disastri lasciati da quelli della “Reggio da bere”».

«Questa che inizia, dunque, è una settimana decisiva nella quale si decide il futuro dei nostri figli. I reggini, purtroppo, sanno bene – avendolo subito sulla propria pelle durante gli anni dello strapotere delle destre in città – cosa voglia  dire essere governati da chi ha fatto strame dei bilanci e della legalità. Il sostegno di Saverio Pazzano è indice di buon senso e ci dice che le destre, sotto qualsiasi forma, vanno sempre e comunque respinte».