venerdì,Novembre 27 2020

Elezioni Metrocity a rischio rinvio. Ma gli schieramenti lavorano alle liste

Dopo il dpcm, si aspetta la decisione del ministro Boccia. I partiti sono comunque quasi pronti. Ecco i nomi dei candidati

Elezioni Metrocity a rischio rinvio. Ma gli schieramenti lavorano alle liste

Il nuovo Dpcm che fa diventare zona rossa la Calabria potrebbe determinare anche il rinvio delle elezioni per il rinnovo del Consiglio Metropolitano fissate per il 19 novembre. La pratica è proprio adesso sul tavolo del ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia per le ultime valutazioni.

Nell’attesa di capire, dunque, se la competizione elettorale si svolgerà davvero, gli schieramenti proseguono nelle trattative e negli incontri per definire le liste.

Il centrodestra, con la regia di Francesco Cannizzaro, ha optato per una sola lista che racchiuda i candidati dei vari partiti.

Capolista potrebbe essere l’ex candidato sindaco Nino Minicuci con il benestare di Fi e il voto di Saverio Anghelone di “Cambiamo con Toti”. Dentro Fdi c’è ancora incertezza, ma la volontà del commissario Denis Nesci sarebbe quella di premiare la Provincia, lasciando liberi Demetrio Marino e Massimo Ripepi intenzionati a correre alle prossime elezioni regionali.

La Lega punterebbe sul neo sindaco di Taurianova Roy Biasi, con l’ok di Tilde Minasi e il voto del consigliere Giuseppe De Biasi. In Forza Italia si punta sull’uscente Giuseppe Zampogna.

Nel centrosinistra la partita è più complessa. Ancora in discussione se fare una o più liste. Il sindaco Giuseppe Falcomatà opterebbe una per mantenere maggiormente il controllo sulle operazioni e non avere sorprese sul voto.

Nino De Gaetano, invece, vorrebbe arrivare due liste per avere maggiore spazio per i loro uomini, a partire da Filippo Quartuccio, proseguendo con il vicesindaco di Cittanova Fera e il sindaco di Benestare Mantegna.

Dentro il Pd sicuri di correre sono Antonino Castorina e Giuseppe Marino che ambiscono anche alla postazione di vicesindaco nel caso in cui la casella andasse al Pd. Ci sono poi il sindaco di Palmi Ranuccio, il sindaco di Caulonia Belcastro, capogruppo uscente a palazzo Alvaro, e Daniela Artuso sindaco di Cardeto.

Tra le civiche quasi certi di un posto Armando Neri e Giuseppe Giordano da Reset e Carmelo Versace di Innamorarsi di Reggio, che potrebbe essere sostenuto da Pierpaolo Zavettieri che lo ha già “adottato” alle ultime comunali e  non sarà ricandidato a palazzo Alvaro per potere correre alle regionali.

In Italia Viva la prescelta dovrebbe essere Deborah Novarro a scapito di Giovanni Latella. In corsa anche Pino Varacalli consigliere a Gerace, aa considerando la necessità di avere donne in lista, Novarro dovrebbe essere in vantaggio.

Infine nella lista di centrosinistra potrebbe trovare spazio anche un rappresentante in quota Saverio Pazzano e Dema che sarebbe Sabina Valentini, consigliere a Gioia Tauro.