martedì,Aprile 16 2024

Comune di Reggio Calabria, Lega: «Presenteremo mozione di sfiducia»

Per il gruppo di minoranza Falcomatà «quella andata in scena non è una scena teatrale, non è la trama di un film, ma è la più vergognosa azione di egoismo politico»

Comune di Reggio Calabria, Lega: «Presenteremo mozione di sfiducia»

«Una farsa, un’autentica farsa quella inscenata ancora una volta sulle spalle dei reggini, che mortifica sempre di più Reggio Calabria». A dirlo sono i Consiglieri Comunali della Lega a Reggio Calabria De Biasi, Minicuci, Cardia, Neri e Caridi.

Da una parte, il Partito Democratico, evidentemente lasciato a bocca asciutta all’esito dell’operazione “spartizione delle poltrone”, che accusa il Sindaco Falcomatà di essersi sottratto al confronto e, addirittura, di aver violato le regole democratiche, decidendo, per tale ragione, di tirarsi fuori da ulteriori discussioni sulla nuova Giunta comunale.

Dall’altro, invece, il Sindaco Falcomatà che con un colpo di mano ha umiliato proprio il partito democratico a guida Irtiana, ma anche Azione, partito dell’ex f.f. Carmelo Versace e i Democratici e Progressisti e gli altri partiti che fino ad oggi hanno sostenuto la maggioranza, lasciandoli fuori dalla Giunta e bocciando tutti i nomi da loro proposti, per circondarsi, invece, del proprio gruppetto di fedelissimi, gli amici di sempre, che di imprimere quel netto cambio di passo di cui ha bisogno Reggio Calabria non pare siano all’altezza.

Verrebbe da ridere, se non fosse che quella andata in scena in questi mesi a Palazzo San Giorgio, non è una scena teatrale, non è la trama di un film, ma è la più vergognosa azione di egoismo politico perpetrata sulla nostra Città. Una Reggio Calabria che necessita, invece, di competenze e capacità e che, purtroppo, da anni vive allo sbando, priva di una guida autorevole e all’altezza del compito.

Una Città mortificata, abbandonata a se stessa. Una Città oramai meta di dispute tra gruppetti di potere intranei alla sinistra che cercano di contendersela senza pensare alle dolorose conseguenze che ciò sta determinando sui cittadini. Una maggioranza che non esiste più, che ove avesse un minimo di dignità politica deciderebbe di restituire ai cittadini il diritto di pronunciarsi.

Ci rivolgiamo a tutti i Consiglieri comunali di maggioranza: staccate la spina, Reggio Calabria non merita questo. Non lo merita la sua storia e la sua cultura. Non lo meritano i reggini, popolo che merita ben altra politica e amministrazione. Per tali ragioni, abbiamo deciso, quale primo gruppo in Consiglio Comunale, di presentare una mozione di sfiducia. Ci auguriamo che tutte le forze presenti in Consiglio Comunale vogliano prendere finalmente atto della situazione e decidano di sostenerla».

Articoli correlati

top