martedì,Aprile 16 2024

Gioia Tauro, Auddino (M5s): «I lavori di riqualificazione del retroporto procedono secondo la tabella di marcia»

Le dichiarazioni dell'ex senatore pentastellato che nel 2020 aveva presentato un emendamento ad hoc

Gioia Tauro, Auddino (M5s): «I lavori di riqualificazione del retroporto procedono secondo la tabella di marcia»

«Il mio emendamento per riqualificare l’area industriale retroportuale del porto di Transhipment più importante del Mediterraneo, presentato in quella “storica” legge di bilancio 2020 del Governo Conte 2, ha gettato delle basi solide per la riqualificazione dell’area industriale retroportuale, per cui oggi parlare delle enormi potenzialità della vasta area retroportuale con le sue due aree industriali non è più un mistero dopo quell’emendamento, a dimostrazione della bontà della mia scelta di puntare anche sul retroporto, dopo aver salvato il Porto l’anno prima, grazie all’interessamento costante del Ministro di allora, Danilo Toninelli», afferma l’ex senatore Giuseppe Auddino.

«Storica perché vide concretizzarsi, oltre all’emendamento in questione sul Porto grazie al lavoro svolto insieme all’allora sottosegretario Anna Laura Orrico, anche il terzo emendamento sulla definitiva stabilizzazione degli Lsu ed ex-Lsu, norme di cui avrebbero beneficiato anche gli Lpu calabresi, dopo mesi di strenuo lavoro svolto insieme al collega Riccardo Tucci.


Grazie a questi successi adesso se ne parla. E grazie a quanti hanno lavorato con me perché tutto questo si concretizzasse nei tempi e nei modi previsti, questo adesso è realtà!
In barba a quanti dicevano che questa sarebbe stata l’ennesima “eterna incompiuta ” continua l’ex senatore Auddino. Alle risorse stanziate dal mio emendamento, ben altri 6 mln di investimenti del Pon infrastrutture e reti del Mit si sono aggiunti per il rifacimento dell’arteria.
L’Autorità di Sistema Portuale quale soggetto attuatore sta rispettando il cronoprogramma, per cui la conclusione del primo lotto dei lavori è prevista prossimamente. 


Si lavora perché il retroporto, comprendente le due aree industriali che insistono nei territori dei comuni di Gioia Tauro, Rosarno e San Ferdinando, sia pronto ad accogliere nuovi investimenti.
Il mio scopo è sempre stato quello di rendere l’area industriale un polo commerciale e produttivo che rispetti le vocazioni del territorio, creando nuovi posti di lavoro rispettando l’ambiente.
Logistica, trasbordo su ferro, produzione e smistamento delle merci dovranno essere le attività produttive del prossimo futuro che si sommeranno alle attività di transhipment, perché anche via terra possiamo dire la nostra.
Un futuro di speranze e di tanto lavoro ci aspetta, insieme a chi saprà lavorare in squadra nell’esclusivo interesse dei cittadini e per il bene della nostra terra. Aggiornamenti a breve».

Articoli correlati

top