lunedì,Novembre 30 2020

Sanità in Calabria, a Reggio si manifesta a sostegno dei sindaci a Roma

Il movimento Dignità Calabria ha deciso di unirsi all'azione di protesta in modo pacifico con un sit-in permanente di fronte alla Città Metropolitana

Sanità in Calabria, a Reggio si manifesta a sostegno dei sindaci a Roma

Continuano le manifestazioni contro la zona rossa a Reggio Calabria. Ma questa mattina il sit-in del movimento Dignità Calabria, pacificamente raccoltosi in Piazza Italia, ha avanzato idee ben precise e la volontà di non fare un passo indietro.

«Abbiamo deciso di fare questo sit-in stati di fronte alla città metropolitana di Reggio Calabria, che rappresenta tutti i sindaci della provincia, che in questo momento sono a Roma, proprio per sostenere la loro azione di protesta a palazzo Chigi – ha spiegato Renato Raffa – Speriamo che le loro richieste vengano accolte. Lo speriamo a nome di tutti i calabresi. Noi ci uniamo a quest’azione perché abbiamo scelto la via della civiltà e della legalità.

Approfittiamo della manifestazione di oggi per ribadire che abbiamo bisogno di aiuto e supporto in tutto il settore della sanità territoriale. Esiste la necessità di processare i tamponi con solerzia e, dunque, urge mettere a disposizione più laboratori anche privati se necessario perché è inutile fare viaggiare i tamponi in giro per l’Italia. Crediamo che riuscire a velocizzare queste operazioni possa essere una via di uscita in attesa del vaccino.

Ma quello che ci auguriamo è che si trovi una via di uscita dalla corruzione e dalle infiltrazioni criminali nella sanità. Serve che venga fatta pulizia, una politica seria che porti avanti i diritti dei calabresi che fino ad ora sono stati abbandonati».

Arriva poi la richiesta che nelle ultime ore è stata avanzata da più parti: la fine del commissariamento della sanità calabrese. Questa è l’ennesima manifestazione ma l’intenzione di non mollare è chiara.