lunedì,Luglio 15 2024

Gioia Tauro, finanziato dalla Regione il progetto per potenziare la biblioteca comunale

Il programma di interventi ed azioni sarà presentato nel dettaglio nel corso delle Giornate FAI d’Autunno che si terranno nel fine settimana

Gioia Tauro, finanziato dalla Regione il progetto per  potenziare la biblioteca comunale

Bibliotour Percorsi tra le righeè il titolo del progetto di valorizzazione della biblioteca comunale di Gioia Tauro ammesso a finanziamento della Regione Calabria attraverso i fondi dell’Avviso Pubblico Misure di sostegno per biblioteche ed archivi storici 2023 – POR Calabria FESR – FSE 2014/2020 – asse 6 Azione 6.8.3. Negli obiettivi del progetto le biblioteche possono essere veri e proprio luoghi di rafforzamento delle comunità dove costruire nuove forme di ‘welfare socio-culturale’, favorire l’accessibilità fisica, sensoriale e culturale quale requisito imprescindibili per rendere pienamente fruibili i luoghi della cultura, attivando dei servizi integrati che consentano la fruizione di contenuti materiali e immateriali a tutto il territorio circostante, incentivare una sempre più efficiente cooperazione tra biblioteche, istituzioni culturali, sviluppare attività di promozione del territorio in chiave turistica, per la creazione di itinerari didattici, culturali e informativi facendo leva sulle grandi potenzialità offerte dall’innovazione tecnologica.

L’acquisto di nuovi arredi consentirà di allestire un nuovo spazio multifunzionale dove collocare ulteriore scaffalatura, tavoli di lettura e sedute confortevoli. Inoltre, considerata la biblioteca come ambiente fisico e digitale per ripensare all’apprendimento lungo l’arco della vita lavorativa sarà allestita una postazione per il coworking.  La possibilità di usufruire di nuovi spazi consentirà di ampliare la zona destinata alle attività del presidio Nati per Leggere per la fascia (0 – 6 anni.) L’accessibilità all’informazione sarà, inoltre, attraverso la progettazione di servizi, contenuti e materiali pensati per tutte le categorie di utenti: gli inbook, i libri a CAA, l’audiolibro ecc.

Accessibilità è anche apertura alle esigenze “temporanee” della vita, come quelle delle neo – mamme o della popolazione più anziana: lo spazio per l’allattamento, il sostegno alla genitorialità, le attività di socializzazione per gli over 65 rappresentano un “ripensamento” delle attività di una biblioteca che è sempre meno luogo di “custodia” dei libri e sempre più “piazza del sapere”. Si prevede, inoltre, l’adesione a MLOL, la prima rete italiana di biblioteche pubbliche, accademiche e scolastiche per il prestito digitale. A oggi le biblioteche aderenti sono oltre 6.000 in 20 regioni italiane e 10 paesi stranieri.

Attraverso il portale MLOL è possibile consultare gratuitamente la collezione digitale della biblioteca: ebook, musica, film, giornali, banche dati, e molto altro. MediaLibraryOnLine permette alle biblioteche di sperimentare il prestito digitale utilizzando il servizio di prestito sia dalle postazioni della biblioteca che da casa, dall’ufficio, dalla scuola e non sarà più necessario presentarsi fisicamente in biblioteca per vedere un film o ascoltare musica. Molte le attività previste per rendere la biblioteca un luogo e uno spazio nel quale il  coinvolgimento pubblico (public engagement) è utile per far conoscere a una platea più ampia una tipologia di patrimonio altrimenti relegata a una nicchia di studiosi, amatori e specialisti. Hanno già formalmente aderito a queste iniziative partner importanti e rappresentativi del territorio, come Legambiente Calabria, la cooperativa Kiwi che gestisce “FaRo, la Fabbrica dei Saperi di Rosarno”, il coordinamento locale del programma Nati per Leggere e l’Associazione Pensionati.

Il programma di interventi ed azioni sarà presentato nel dettaglio nel corso delle Giornate FAI d’Autunno che si terranno a Gioia Tauro con un focus particolare sulla storia materiale dei luoghi legata alle produzioni locali. La presentazione avverrà nei locali della biblioteca comunale attraverso una “narrazione multimediale” che sarà coordinata dal personale della biblioteca e realizzata dei volontari del servizio civile nazionale progetto “Biblioteca: casa della cultura e della comunità, coinvolti direttamente nella realizzazione delle attività previste.

Grande soddisfazione è stata espressa dal vice sindaco e assessore alla Cultura, Carmen Moliterno, che ha sottolineato l’importanza e la centralità dell’istituzione biblioteca per poter garantire l’accesso all’informazione a tutte le categorie di utenti nonché l’esigenza di assicurare alla città spazi e luoghi di socialità accessibili e fruibili.

top